accedi   |   crea nuovo account

L'ieri

< Non chiedermi niente,
distacca la mente da ogni presente.
Ieri ero l'oggi, ora son l'ieri,
sono stato il domani.
Non rendere vani
gl'istanti ch'azzeri soltanto fiatando.
Pensa soltanto a quando il tuo tempo
sarà sterminato,
senza misura, senza formato
e disponi le basi per quello che vale.
Non sia il normale la sola apparenza
percorri l'essenza, la conoscenza,
germoglia il tuo meglio;
intona le lodi, rimuovi ogni male.
la Meta vicina non è la mondana,
non è un arcano il limite sano;
la Sede lontana è poco distante,
clemente, brillante: la Sola Dimora,
priva di oggi, di ieri e domani,
senza neri, né bianchi, biondi o castani,
dove c'è sempre stato
dove il tempo ci vive, dove c'è nato.>

 

11
18 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 20/05/2012 21:23
    L'autore riflette sul significato di tutto ciò che quel metaforico IERI ha significato nella sua esistenza, decidendo di concentrarsi sul presente poichè, saggiamente, è cosciente che, nella dimensione del tempo, le cose scorreranno, inesorabilmente, verso "la Sola Dimora, priva di oggi, di ieri e domani". Un'introspezione altamente filosofica e poetica. Complimenti!
  • Maurizio Cortese il 25/02/2012 16:08
    Tutta intrisa di anelito trascendente l'ultima di Mastrogiovanni, nella ribadita certezza che se l'ieri è una dimensione recuperabile, è solo perchè fonda l'oggi, nella distensione agostiniana della nostra anima. Chi si prospetta in una simile dimensione, comprende che l'apparenza delle cose cela la verità. Quanto al fatto che "la Meta vicina non è la mondana", l'Eterno ci garantisce di poterla raggiungere, in quanto dimora in noi la sete della Sua presenza, il desiderio di una condizione immune dalla dispersione del tempo.
  • Don Pompeo Mongiello il 23/02/2012 15:09
    Poesia di stampo di tempi iti, in uno stile e forma sublimale.
  • Anonimo il 22/02/2012 08:04
    Domandarsi, esprimere il meglio dei valori che si possiedono, cogliere l'essenza e il significato profondo delle cose, al di là di ogni apparenza, dà senso al proprio vivere e predispone verso il dopo. Verso quella realtà, lontana e presente, allo stesso tempo che non è così lontana come appare e che è l'unica Verità appagante.
    Una poesia che chiama a riflettere, anche il lettore e che, secondo me, ripercorre il concetto del tempo espresso da sant'Agostino, diverso tra la percezione umana e l'eternità che è in Dio e, che Ugo, da persona preparata qual è, conosce benissimo.
    Bravissimo Ugo e complimenti!
  • Raffaele Arena il 21/02/2012 22:16
    Complimnenti Ugo, è una poesia di carattere educativo. Bellissima, frutto della sua esperienza. Davvero apprezzata. Di uomo saggio e intelligente sopra la norma.

18 commenti:

  • mauri huis il 11/04/2012 15:38
    Poesia positiva e beneaugurante che con giochi di rime rende ancor più allettante un mondo parallelo che tutti identifichiamo col cielo. Dubbioso ma ammirato ti rendo il mio plauso.
  • Vincenza il 12/03/2012 13:49
    Ritengo questa poesia una riflessione filosofica scaturita da una profonda analisi della propria esperienza di vita: l'apice della maturità.
  • Gianni Spadavecchia il 11/03/2012 13:08
    Intensi versi.. mi hanno preso! Sono giunti fino all'anima!
    P. S. grazie per il commento alla mia ultima opera.
  • Virginio Giovagnoli il 04/03/2012 18:58
    Non trovo parole per descriverla.
    Bella e molto profonda.
  • Virginio Giovagnoli il 04/03/2012 18:57
    Non tovo parole per descriverla.
    Bella e molto profonda.
  • Virginio Giovagnoli il 04/03/2012 18:55
    Bella e molto profonda.
  • Silvia De Angelis il 03/03/2012 13:50
    Bellissime immagini in questa lirica espressiva, da leggere e rileggere per l'intenso significato che trasmette... assai piaciuta
  • mariateresa morry il 01/03/2012 11:41
    Nel leggere questa poesia di Ugo mi è venuto in mente il personaggio terribile del " Settimo Sigillo", il giocatore di scacchi di Bergman. Ma non nel senso del funebre, quanto dell'ineluttabile. Questi versi disvelano dei principi, delle verità che non sempre l'uomo coglie nel suo vivere. Ad esempio l'importanza del Tempo e la sua fugacità. Molto bello e di ampissimo respiro " non sia normale la sola apparenza, percorri l'essenza...". Direi che è tra le cose migliori scritte da Ugo. Un cenno sulla forma che direi impeccabile, non perchè rigida o fasulla, ma molto ben costruita per contenere versi così forti.
    Direi sicuramente bravo!
  • Anonimo il 29/02/2012 22:53
    dire che questa è bella è come dire che che la Cappella Sistina è un bel disegnino.
    Non è facile unire poesia e consigli. Di solito la poesia è soprattutto emozione, qui arriviamo ad elevarla a stile di vita. Le parole per giudicarla le devono ancora inventare
  • nicoletta spina il 29/02/2012 22:20
    Sempre profondo il tuo cogliere la vera essenza della vita, respiro filosofia e grande saggezza.
    Mi inchino a questi versi. Un abbraccio
  • Teresa Tripodi il 29/02/2012 10:52
    "Ieri ero l'oggi, ora son l'ieri,
    sono stato il domani."
    innanzi ad un'ode di questa levatura espessa con maestria e saggezza di mano, i complimenti suonerebbero stonati... Meravigliosa.
  • karen tognini il 29/02/2012 10:27
    Che meraviglia Ugo... bellissima... profonda-... Non sia il normale la sola apparenza
    percorri l'essenza, la conoscenza,
    germoglia il tuo meglio;
    intona le lodi, rimuovi ogni male...

    e' quello che dovremo sentire nell'anima tutti quanti... siamo niente dinnanzi all'eternita'...
  • - Giama - il 27/02/2012 15:23
    In questa poesia si legge una grande consapevolezza di essere nella vita, di essere "passato, presente e futuro"; un cammino verso quella meta di armonia ed equilibrio interiore, che conduce all'eternità ...
    Complimenti Ugo!
    ciao ciao
  • Giuseppe ABBAMONTE il 25/02/2012 18:50
    Davvero bellissima. Una rappresentazione magistrale del tempo che é, che è stato e, sopratutto, di quello che verrà, quando, nell'eterno, non avrà più significato.
    Mi ha colpito l'invito "germoglia il tuo meglio". Se tutti lo facessimo il mondo sarebbe senz'altro migliore. Ieri, oggi e domani!
    A presto Ugo
    Giuseppe
  • mirtylla il 23/02/2012 17:03
    vivere semplicemente il tempo, pienamente, serenamente, nel profondo della nostra anima...

    "percorri l'essenza, la conoscenza,
    germoglia il tuo meglio;"
    bellissima
  • Anonimo il 22/02/2012 11:41
    Bellissima e profonda Ugo, é una poesia frutto di una ricerca legata al proprio vissuto di uomo che si domanda il senso delle cose e del vivere.
    Complimenti!
    L'abbraccio con affetto.
  • Anonimo il 20/02/2012 15:35
    poesia che entra nell'anima..."non sia il normale la sola apparenza", non soffermiamoci soloo su ciò che è aviedente ma andiamo oltre arriviamo in quella che è la vera essenza...
    un grande onore leggere questa meravigliosa opera, con stima sincera carla
  • denny red. il 20/02/2012 10:14
    Si Ugo, sai che penso..? Primo pensiero che è bellissima questa tua e anche ben scritta! Secondo pensiero, se oggi tempo di oggi da poco nato.. se la facciamo leggere ha qualche mente di ora di oggi.. Ugo mi sa che.. che ci portano via tutte due e buttano via la chiave per sempre in un tempo infinito. Ciaooo... Ugo, sempre un onore leggerti. Un Sincero saluto e.. Grazie!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0