PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ruoddi

A notti è comu u jornu pi mia:
non dormu e pensu.
Pensu a quannu eru nica,
a tutti li jurnati
passati spinsirati.
Pensu a lu voltu stancu
di me matri,
ca faticava assai
e non si lamintava mai.
Pensu a 'ddu me patri,
ca da matina a sira
travagghiava,
e quannu sa ritirava
u tempu di mangiari
e si cuccava.
Quanti ruoddi,
quanti rimpianti.
Ma u sonnu si fa sentiri,
l'occhi mi si chiurunu,
a vogghia di durmiri
tutti li pinseri
fa spariri.

 

3
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0