accedi   |   crea nuovo account

Lungo il viale

Lungo il viale, al giro di boa, lo sguardo
scruta oltre, muovendosi sui colli,
sulle montagne, dove la primavera
si affaccia, nel cieco sorriso di un bimbo,
travolgendo ombre, all'assalto della mente.

Lungo il viale, vivo confuso, inseguendo
nel dipinto arcobaleno, astrusi varchi,
tra facce incise nel cuore, nelle notti buie,
prive di sorti, nel caotico gusto d'infinito,
in sogni, senza luce di ritorno.

All'improvviso, mi ritrovo scalzo
mentre, diluvia sulla primavera di marzo,
e non m'incazzo, pronto a pagare il prezzo,
d'aver vissuto serenamente, senza imbarazzo,
d'aver amato follemente, come un pazzo,
ora Solo, solo Pazzo, lungo il viale, del disprezzo
dove battezzo l'ultimo pianto d'Uomo.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 21/02/2012 00:30
    Un pazzo lungo il viale, bagnato dalla pioggia primaverile, solo e scalzo. Ma che non si pente di aver amato follemente. Profondamente splendida

1 commenti:

  • vania antenucci il 10/03/2012 22:24
    Carissimo Calogero Bellisisma poesia poetica all'apertura della primavera con pro e contro! Aprrezzata! Complimenti!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0