accedi   |   crea nuovo account

Non chiederti

Non chiederti come sto
adesso non mi so sentire
sono come una foglia che aspetta il vento
senza rumore, senza moto
oscillo e mi dondolo nel vuoto
non chiederti come mi sento
sono tutto il sentire che può contenere
questo mondo
eppure sono silenzio
non ho parole, nè suono nè eco
sono le mani
sospese senza presa
la voce che non esce
il respiro stanco
sono il delirio
di un'immagine che mi cattura
e la paura e il tormento
di una strada senza ritorno
non chiederti come sto
sono l'odore acre della morte
per rammentarti che tutto finisce
anche questi occhi belli che hanno visto troppo
che non si sanno rassegnare
a questa vita
che mai è stata.

 

4
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 21/02/2012 19:07
    Sono convinto che ogni vita racchiuda un tutto dentro di sè, un tutto che conosciamo soltanto noi stessi per cui diventa anche inutile che gli altri si interroghino su di esso. È una sfera interiore di cui siamo conoscitori in forma esclusiva così come in forma esclusiva siamo decisori sul modo di impiegarla.
    È bello sentire il tutto dentro di sè come copresenta di piacere e dolore, il bello sta nel saperlo inquadrare, come lei ha indubbiamente saputo fare con questa valida poesia, e nel guardarlo negli occhi per renderselo sempre meno estraneo. Forse in questo sta l'errore in molti di noi, che partiamo dalla nostra identità e non dal tutto da cui estrarla per poi viverla con compiutezza. La sua poesia invita a compiere questo affascinante percorso. Cordialità e complimenti.
  • tylith il 21/02/2012 11:32
    Emozionante, viva, fresca, anche quando parli della morte percepisco la tua forza, la tua onestà d'animo! È stupendamente vera anche quando ti ritrovi nel silenzio causato dal sentire tutto il caos dell'universo. L'immobilità della foglia e la voce "muta" sono il preludio dell'odore acre di morte che sta giungendo a grandi passi per rammentare al lettore che tutto finisce e che forse tutto finisce davvero troppo in fretta. Bella poesia davvero!

5 commenti:

  • loretta margherita citarei il 21/02/2012 17:41
    molto bella complimenti
  • Salvatore Maucieri il 21/02/2012 15:43
    Poesia che colpisce nell'animo. Molto sentita. Ottima dedica. Complimenti. Ciaoooooooooooooooooooooooo
  • francesco verducci il 21/02/2012 13:58
    Sono tutto e niente su una strada senza ritorno.
    Molto bella nelle immagini e nel contenuto.
  • - Giama - il 21/02/2012 13:03
    molto bella la metafora iniziale, particolarmente intensi i versi successivi.
    Forte "quell'odore acre della morte" sembra svelare il dolore immenso..

    Complimenti per la poesia!
    ciao
  • Alessandro il 21/02/2012 11:54
    Un sentiero oscuro, un punto di non ritorno imboccato da una vita che non è mai stata. Pessimismo lirico in cui traspare la sofferenza

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0