accedi   |   crea nuovo account

Zingaro infelice

Ritaglio vestiti er ogni tempo,
con abili mani compongo
mosaici di vita e lapislazzuli senza luce.
Nascondo l'anima al rimpianto,
senza ricordo intraprendo un viaggio
verso un domani senza ritorno.
Scrivo poesie che lego con fili d'argento,
con voce di cristallo canto
le amare canzoni della solitudine,
guardo al cielo senza peccato ne innocenza,
con gli occhi di ragazzo diventato adulto.
Amo il mare e il respiro del vento,
le piccole meduse azzurre alla deriva
che aiuto a morire,
ascolto le leggende che il pescatore mi narra
e le nenie in amore delle donne della mia terra,
recito con voce astratta le preghiere
al Dio del disincanto.
Vivo, muoio, rinasco in un divenire acerbo
infrangendo con passi veloci le barriere del nulla,
atomo infinito, in un infinito
movimento d'amore!

 

4
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 11/12/2012 08:38
    ... molto s'è scritto
    su questa tema
    ma tu non sei stata
    mai banale,
    brava...

4 commenti:

  • claudio meazzi il 22/02/2012 11:16
    Un grazie Red
  • denny red. il 22/02/2012 01:07
    Amo il mare e il respiro del vento.. Scrivo..
    Bellissima!! Bei Versi!! Ben Scritta!! Bravissimo.
  • claudio meazzi il 21/02/2012 21:38
    GrAzie LORETTA!
  • loretta margherita citarei il 21/02/2012 18:09
    incantevole, veramente notevole, ben stilita, ben scritta, mi complimento, ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0