PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il mio grazie al Quartetto Cetra

Siamo i quattro affiatati cavalieri
della musica sincera e divertente,
pronti a sbarcare in mille programmi della sera,
per cantare e ridere con la gente;
Felice, Tata, Virgilio e Lucia ci chiamiamo,
e, credete, nel sangue la musica l'abbiamo,
boogie woogie, swing per noi non han segreti,
ascoltate la storia che fummo,
sedetevi quieti.
Ci approcciammo scanzonati e un po' incoscienti,
al rutilante mondo in cerca di nuovi talenti,
con gli occhi puntati sull'orgoglio di saperci italiani,
e le orecchie attente anche
ai suoni più lontani;
i primi spettacoli,
il primo ridere di gusto,
la consapevolezza carezzevole,
di averci visto giusto,
quando in quella notte ammantata di allegria,
decidemmo di proporre Nella vecchia fattoria;
fu un onore incontrar Pippo Barzizza e Rabagliati,
Cinico Angelini e altri musicisti affermati,
ci permise di scoprire quanto potevamo dare in più,
a questo pubblico il cui affetto,
andava sempre più su.
Lucia, cara Lucia,
la sola che il vento implacabile della morte,
non abbia ancora per fortuna portato via,
sono Virgilio il tuo amore di una vita,
dell'amore mi facesti scoprire la foce,
quando incontrai la tua celestiale voce;
Tata, Tata,
ricordi quell'orologio matto,
che batteva il tempo a boogie woogie,
e l'ora segnava assai distratto,
è ancora lì che balla il tuo ricordo,
che la tua morte ha eternato,
e non reso più sordo.
Troppo spesso te ne andasti,
grande Felice,
con la tua anima divertita e sognatrice,
quattro voci e il senso di un'armonia,
la certezza di essere ora e sempre
una fantastica, inviolabile poesia.
Il nostro coro riluce ancora
in un tracciato invisibile di stelle,
sentite come figli nostri e vostri,
quei motivetti che volteggiano nell'aria,
con l'innocenza e la nobiltà di tenere farfalle;
Virgilio Savona, Tata Giacobetti e Felice Chiusano,
vi salutano col cuore,
e vi dicono "amici, qua la mano";
e tu, dolce incantevole Lucia,
soltanto questo sapere devi,
che il bene a te rivolto,
racchiuso nelle nostre voci,
sarà la tua daga più preziosa,
contro i graffi della nostalgia.

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • cristiano comelli il 22/02/2012 18:38
    Nessuno che abbia qualche ricordo personale del mitico Quartetto Cetra? Non ci credo, dai. Saluti a tutti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0