PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

No Tav, Suv e vaf. !

La porti un bacione a Firenze
anche se sono nato in quell'ospedale
a Careggi.

E già ululavo malato
con dei riccioli che tutti mi guardavano
ma guarda che potenza, quel moscerino!

Eppur mi sentivo potente
solo che con il tempo
e il sole ammalato

la mia forza è divenuta
man mano meno meno
e latente.

La porti un sorriso a Firenze
prima che le tarpe delle ferrovie
comincino davvero a far buchi,

ma per davvero? Ma siete pazzi?
E tutti i cittadini e i comitati di protesta?
L'ex- potestà non ha ancor ricevuto i sordi

e si permette di far il sordo
con chi si trova sfrattato
o politici, dico a voi!

Ma dove lo mettete i' cervello?
Mica all'ammasso?
Che quello ci avete già messo i' nostro.

Comunque la porti un... Spenk!
Ohiohi, queste canzoni di una vorta,
guarda lontano belli i resti

del Domo, ti ricordi com' era Bruno?
E me lo ricordo si,
prima ci passasse la tarpa delle ferrovie!!!

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0