accedi   |   crea nuovo account

IL PARADISO PERDUTO

Il giorno in cui
lei si fa tentare,
facendo a lui quella mela mangiare.
Come se in quel favoloso paesaggio,
non ci fosse altro in assaggio.

Mai come quel di',
il solco tra cielo e terra
fu piu'profondo.

Non piu'verdi e piene di frutta vallate,
ma campi incolti e deserto tutto intorno,
freddo di notte,
caldo di giorno.

Per mangiare si incomincio' a cacciare,
mai più notti
eternamente sicure, asciutte e serene,
per difendersi da ogni male
in un'umida caverna si dovette abitare.

Tutto cio'che era gratuitamente
ben servito,
ora con unghie e denti acquisito.

Senza parlare del dolor di doglie,
che da allora e' toccato a ogni moglie.
Al sangue e sudore,
che per coltivare
sputa il piantatore.
Che da allora in poi,
si deve lavorare
per poter tutto comprare.

Tutto questo
grazie a due pazzi,
potevamo essere ingenui,
liberi come farfalle,
senza riempir
di lacrime la valle.

Avremmo potuto essere
sempre e solo in due,
tu e io,
io e tu,
sempre belli
come in gioventu'.

Certo pero'
c'e' da dire una cosa,
stare in benessere
per sempre in quel paradiso
tu e io,
dove la vita ogni giorno,
non avendo nulla da fare,
si riposa,
dove non ci sarebbe niente da dire,
e niente da sognare,
per quanto mi piaccia
sempre mangiare,
senza conoscer nessun peccato
neanche quello che ci ha generato,
PORCO BOIA!
CHE NOIA CHE BARBA... CHE BARBA CHE NOIA!

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Maurizio Triolo il 20/06/2007 20:03
    Carina e leggera ma allo stesso tempo ricca di contenuti... originale, brava.
  • Claudio Amicucci il 13/06/2007 01:34
    Divertente! E simpatica.
  • celeste il 12/06/2007 21:49
    concordo, simpatica e realista
  • roberto mestrone il 12/06/2007 16:51
    LORY...!
    Oggi sei mitica!
    Non pensavo si riuscisse in una sola, allegra poesia radunare Adamo, Eva, notte, giorno, cielo e terra, contadini e... dulcis in fondo... Sandra Mondaini!
    Le strofe finali sono condite di simpaticissima ironìa!
    Buona la ricerca della rima.
    Bravissima Lory!
    Ro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0