accedi   |   crea nuovo account

Fuori

la bilancia ha
un piatto vuoto
e l'altro
carico d'odio
l'equilibrio sprofonda
aldilà della sfera che
ci racchiude tutti
in un'atmosfera densa
che uccide piano
col veleno obliquo
delle bugie

 

10
11 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 27/02/2012 08:29
    Mi piace molto questa idea di contrapporre all'odio un piatto della bilancia vuoto e questo perché secondo me l'amore non si pesa e non si fa pesare. L'idea della bilancia come simbolo non solo della giustizia ma della mancanza di amore e generosità dovrebbe farci riflettere..
  • cristiano comelli il 25/02/2012 19:19
    E'bello quanto lei scrive, bello e anche corretto. Sarebbe in effetti troppo semplice dire che sull'altro piatto della bilancia esiste l'amore. Lei ha correttamente messo l'odio chiamandolo per nome, mentre sull'altro ha scritto vuoto. Io, scusandomi in anticipo se la valutazione non fosse corretta, laintenderei così: l'odio dà all'uomo una tale limitatezza d'azione derivante dall'inconcludenza della cattiveria che lo si può racchiudere in un nome preciso; l'amore, invece, sull'altro piatto della bilancia, dà talmente tante soluzioni d'azione e si esprime in tali e tanti modi da non dovere essere racchiuso nella parola. E', in altre parole, infinito, in contrapposisizione alla finitudine dell'odio. Non so se la mia sia una giusta chiave di lettura dei suoi pregevoli versi ma io ci ho letto questo. Cordialità e complimenti.
  • STEFANO ROSSI il 25/02/2012 12:16
    molto bella senzamani, tempi veramente brutti questi!!!!!! pochi versi efficace per descrivere il maledetto mondo che viviamo.
  • Ezio Grieco il 25/02/2012 11:53
    .. hai ragione, brutto il tempo nel quale viviamo; odio, bugie, false promesse, arrivismo; chissà dove ci condurrà tutto questo.
    cl

11 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 27/02/2012 22:53
    Poesia molto seria nel suo contenuto..
    Ti auguro buonanotte!
  • Anonimo il 27/02/2012 17:47
    molto bella mani ma anch'io non lascerei quel piatto vuoto...
    complimenti ben stilato bravo
  • Don Pompeo Mongiello il 27/02/2012 16:33
    Un plauso dovuto per questa tua eccezionale!
  • augusta il 27/02/2012 12:53
    l'equilibrio cmq è sempre difficile da raggiungere... complimenti
  • - Giama - il 26/02/2012 00:36
    In molte raffigurazioni risalenti all'antico Egitto appare una bilancia; con essa si pensava di pesare il cuore dell'uomo (defunto).
    Da un lato c'è il vaso che contiene il cuore, sull'altro piatto c'è una piuma...
    sta all'uomo realizzare il perfetto equilibrio!
    Grande ritorno Sergio!
    Ciao ciao
  • stella luce il 25/02/2012 23:57
    la bilancia della vita... ma l'odio non dovrebbe mai fare scendere il piatto a suo favore e le bugie mai dovrebbero alimentarlo... sempre bello leggerti
  • Teresa Tripodi il 25/02/2012 23:02
    Quanto pesa una bugia? quanto pesa la verità? quando il veleno è "ricompensa" di ció che rimane allora forse il fuori il finire è la soluzione piú plausibile e civile... tagliente e malinconica arrabbiata e delusa sottolinea righe da interpretazione molto soggettiva ma Manì lancia sempre a modo suo sempre i suoi input di risposta tra le righe... OTTIMA!!!
  • loretta margherita citarei il 25/02/2012 20:10
    condivido in pieno, ottima poesia
  • Alessandro il 25/02/2012 13:58
    L'equilibrio della bilancia minato dal veleno obliquo delle bugie. Ottima
  • mariateresa morry il 25/02/2012 13:09
    Riecco il Senza meditativo.. e per meditare giusto bastano pochi versi... bello leggerti così breve!" Il veleno obliquo delle bugie" pare sia un curaro cui ogni giorno come Mitridate ci dobbiamo abituare, a piccole dosi... poi si esplode... o si impara a stare soli.. passerà anche questa, Senza!!
  • mauri huis il 25/02/2012 12:28
    Bella come al solito. Mi preoccupa più il piatto vuoto che quello pieno d'odio. Dov'è finito il bene?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0