username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ti spoglierai

Nessun velo coprirà le mie urla
dovranno arrivare a lacerare il tuo misero cuore
spogliandoti da ogni timore
portandomi al vero.

Sdraiata accanto al ruscello
la mano cade nella gelida acqua
lasciando scorrere in esso
quel petalo di rosa che tu mi avevi promesso.

Il rumore dello scorrere
il gelo dell'andare
l'arrendersi al fluire dei giorni
lo spogliarsi di tutto per essere.

Ti libererai di ogni tua più umile parola
sarai inizio e fine
gioia e dolore
verità e menzogna.

Sarai Aleph.

 

4
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 27/02/2012 17:06
    L'esso o essa dipende, con esso fa capire il ruscello, ma qui non stiamo a impuntigliare su un pronome, in quanto bisogna rispettare la libertà di espressione. Per me sei bravissimo.

4 commenti:

  • augusta il 31/03/2012 11:21
    molto bella complimenti...
  • Bruno Briasco il 29/02/2012 16:04
    Mi è piaciuta particolarmente. Bravo!
  • Anonimo il 28/02/2012 10:40
    l'Aleph, anche simbolo numerico dell'unità, 1 connesso con Dio.
    Bella lirica... liberarsi da orpelli, lasciarsi andare... liberarsi da ogni inizio e da ogni fine... sarai Aleph
    complimenti di cuore
  • mauri huis il 26/02/2012 07:38
    Questo lo chiamerei un inizio col botto! Complimenti, si vede che hai stile, più di me sicuro. Ma siccome è bene che tu capisca subito con chi hai a che fare (un vero tarmone) mi scopro un po'. Cambierei esso con essa, nel 7° verso, eliminando così l'unica rima del testo. Per il resto complimenti sinceri.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0