accedi   |   crea nuovo account

Ricordando Johann utenberg

Che angelo, questo torchio
che si muove al sapore di una preghiera,
e solletica compiacente
la laboriosità infuocata delle mie mani
dai primi sbadigli di risveglio del mattino
alla carezza discreta delle lucerne
che si stendono a tappeto sulla sera;
la vita procede
con un continuo, incessante stampare,
tra il sussurro complice
di questi caratteri mobili
che fissano nell'eternità
ciò che la storia voleva soltanto
sfuggente, inconservabile realtà.
Mi vedi, Magonza cara
che mi fosti tenera, silenziosa culla,
dovetti lasciarti,
ma fu poi dolcissimo il ritrovarti
per dirti con il mio più profondo angolo di cuore,
che continuavo davvero ad amarti;
lo so,
i nostri occhi luccicarono insieme,
quando Dio donò alle mie mani,
il potere soave e inatteso,
di far germogliare la stampa
di una Bibbia a quarantadue linee;
urlava ieri e urlerà sempre
forte e rigogliosa la mia emozione,
più in alto di qualunque tentativo
di avidi, cosiddetti imprenditori,
di fare tintinnare il loro insano desiderio di denaro,
sui miei sforzi e sulla mia invenzione;
Strasburgo,
che materna mi spalancasti le braccia,
sappi che ti osservo e proteggo
con le lacrime dorate,
il mio grazie per te,
il mio sentirmi onorato,
per la statua grandiosa,
che al mio povero lavoro hai dedicato.
A te, lettore di ogni tempo
chiedo questo soltanto,
a volte, quando cambi pagina al tuo libro,
volgi lo sguardo al firmamento,
scorgerai la mia stella che sorride,
con sempiterna, immarcescibile frescura,
nel pensiero di averti potuto donare,
un modo per consentirti la lettura.
No, non è protagonismo,
è solo supremo appagamento
per una vita che vissi,
nel segno del lavoro come sentimento.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 27/02/2012 20:38
    bravo per aver parlato di questo argomento... sposo il commento dell'amico Vincenzo... prima era il duro lavoro degli emanuensi poi gutemberg inventò per la gioia di chi oggi può leggere il caratere mobile...
    cordialità carla
    cordialità car
  • cristiano comelli il 27/02/2012 19:07
    Grazie infinite, Vincenzo, sì, lo so che Gutenberg fu scippato in questo senso, un po' mi sono documentato e la considero una cosa riprovevole. Meno male, però, che la storia gli ha reso giustizia assegnandogli quel ruolo preziosamente pionieristico che gli spetta. Ho ancora negli occhi il monumento a Gutenberg che ho visto a Strasburgo dove sono stato per ben tre volte e devo dire che la sua imponenza rende pienamente giustizia a questo gigante della storia e della cultura. Ti ringrazio per la consueta attenzione e buona serata.
  • Vincenzo Capitanucci il 27/02/2012 18:55
    Fallì pubblicando la Bibbia... sembra quasi un paradosso... e fece soldi il suo socio banchiere... che la stampò ma sicuramente non la lesse... lol..

    Bellissima Cristiano... un cambio epocale... la cultura uscì dai monasteri... per entrare nelle case...

    ... A Te, lettore di ogni tempo
    chiedo questo soltanto,
    a volte, quando cambi pagina al tuo libro,
    volgi lo sguardo al firmamento,
    scorgerai la mia stella che sorride... e dimmi grazie...
  • cristiano comelli il 25/02/2012 23:44
    Mi limito ad affermare questo. Se oggi possiamo leggere, ne siamo debitori a Gutenberg. Passo e chiudo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0