PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I sogni svaniti

Era malato,
veniva giornalmente curato
in una camera d'ospedale,
per questo aveva basso il morale
la malattia lo teneva lontano
dall'amata.

La pensava continuamente
e questo era un deterrente
perchè non si lasciasse andare
alla disperazione
ed abbandonarsi al suo male.
Invece lottava con tutte le sue forze
aiutato dai dottori
Che cercavano di fare del loro meglio.

Lui guardava dalla finestra
il grigio cortile
e intanto sognava un giardino fiorito
con tante panchine
dove lui e la sua amata si sarebbero seduti
per guardarsi negli occhi
e mani nelle mani
avrebbero riconfermato il loro grande amore.

Il reparto malattie infettive lo teneva isolato
e questo stato lo faceva disperare.
I mesi passavano, le forze l'abbandonavano
e i sogni man mano cessavano d'esistere,
finché furono dimenticati del tutto...
... arrivò il giorno che la morte lo colse
senza che lui se n'avvedesse.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Grazia Denaro il 01/03/2012 17:57
    iNFATTI è UNA STORIA VERA FINITA TRAGICAMENTE, GRAZIEE DEI VOSTRI GRADITI COMMENTI cARLA E sALVATORE.
  • Anonimo il 27/02/2012 21:50
    Una storia triste, ma vera, che ripercorre momenti delle realtà di un uomo che può essere comune, se pur diversamente, a molti di noi. Espressa bene!
  • Anonimo il 27/02/2012 09:32
    triste e melanconica... scritta benissimo... ora sicuramente potrà stare accanto alla sua amata... libero di poterla abbracciare unbacio molto bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0