PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La nave

Al giogo del destino
s'intrappolarono ultimi, quel dì,
diversi respiri...
Avanzavano ignari verso la morte,
con occhi neri, azzurri, castani.
E sorrisi, che erano sogni.

Lungo onde instabili spumose
s'affiancò alla notte la nave,
e con la paura cominciò a trastullare ore
succhiando il buio del caos,
e gorgogliò di mare pozzi improvvisati,
nell'inesorabile affronto del fluire tombale.

- Dove sei amore mio... -
urlò disperata una mamma sola, là sulla terra lontana.
- Dove siete sposi d'amore non vissuto...-
gridarono mamme e padri,
e fratelli e sorelle di ogni altro disperso,
sulla terra sbigottita
da quelle voci alte di spasmi e ira.

Dondolò quella nave di festa calata di fianco,
anch'essa divenuta ormai morente tra flutti.

E pare sospirasse sofferente la sorte,
pare reclinasse sempre più negli abissi
la vergogna delle umane esitazioni,
elargite a quel destino
che, indifferente, aveva solo lustrato,
quel dì, il suo giogo per inumidire il dolore.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 27/02/2012 12:51
    Marinai in navigazione che affrontano mille intemperie, e al contempo la sofferenza di chi è rimasto a terra, con un occhio verso il mare, implorando la sorte. Davvero ben costruita

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 27/02/2012 19:19
    molto bella complimenti
  • Nunzio Campanelli il 27/02/2012 16:17
    C'è qualcosa di epico in quest'opera, una sofferenza storica, già conosciuta... mi ricorda un poco la "ballata del vecchio marinaio" del Coleridge...
    Molto bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0