PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Titolo

Per ogni giorno in paradiso
ne sconterai tre all'inferno,
su un letto di ghiaccio,
a pregare un dio che non conosci.
Cercando quel calore
che nessuno ti sa dare.
E vorresti soltanto
che le tue ferite non facessero così male.

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • rosaria esposito il 28/02/2012 19:06
    faranno molto meno male se accetterai le ferite come un dono, dal cui dolore nascerà nuova vita e nuovo, più grande amore

2 commenti:

  • Anonimo il 28/02/2012 16:07
    Bella. È vero, spesso preghiamo Dio per avere conforto e per avere, o illuderci di avere, un po' di quell'amore e calore che gli esseri umani non sanno dare. ciao
  • Anonimo il 28/02/2012 10:05
    Bella, l'ho sentita sulla pelle, come una lama che ti accarezza con il suo filo tagliente. Ferendoti, facendoti sanguinare.
    Veramente bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0