accedi   |   crea nuovo account

Una Intera Metà

Cammino
a tentoni

senza neanche accorgermene
sto creando dentro di me

un Vuoto quasi Assoluto

fin dall'infanzia un proiettile
ha spaccato il mio cuore in due

una intera metà
folle d'Amore
è
riposta
fra le Tue mani

l'altra
frammentata metà

pazza
d'una Arteria allucinata di sole

sta precipitando

trascinando
con Sé il mondo

nel vortice d'una porta azzurra spalancata da un abisso stellato

 

5
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 29/02/2012 19:13
    Il proiettile ci rimanda sempre a un'accezione negativa perchè lo associamo al sangue e alla violenza, caro Vincenzo. In questocaso, però, grazie alla tua poesia, possiamo dargli, e per una volta soltanto, un significato amorevole che lo fa uscire dal carcere di fautore di annientamento o autoannientamento cui il destino lo ha condannato. Il proiettile che ci divide in due potrebbe essere visto come qualcosa che crea due stanze precise nella nostra anima: quanto già sappiamo e quanto desideriamo invece di sapere. È importante che tali stanze coesistano in perfetta armonia, con la prima che non è mai abbastanza ricolma e la seconda che non è mai desolatamente vuota. Un caro saluto e complimenti.

5 commenti:

  • gabriella zafferoni sala il 29/02/2012 21:24
    spericolata discesa per un'energia di rimbalzo, celeste
  • denny red. il 29/02/2012 18:07
    Bella Bella!! questa tua Vince, scritta molto bene, fin dal cammino e fin dalla chiusa.. da un abisso stellato. Tra tutte le tue immense.. questa è..è Bella Bella!!! Bei Versi!!! Sempre un onore leggerti.. Bravissimo!!!

  • - Giama - il 29/02/2012 15:33
    Direi una metà che tende all'Uno verso l'altra metà...
    e ricordando il Teorema di Vincenzo sul numero primo...
    saranno due metà che giungeranno all'infinito cielo!

    Grandioso!

    ciao ciao
  • Ugo Mastrogiovanni il 29/02/2012 09:41
    Come sempre, affascinanti ma non facili da interpretare i versi di del grande Capitanucci. Quei "Vuoto Assoluto, Amore, Tue, Arteria, Metà" scritti con le iniziali maiuscole mi fanno pensare a uno sguardo oltre l'umano, o a un umano ultraterreno. Sta di fatto che il pensiero di quest'autore è sempre amore e l'amore è poesia.
  • karen tognini il 29/02/2012 07:19
    Nel tuo cuore Vincenzo c'è posto per tutti.. per l'amore passionale e per l'Amore universale...

    Bravo sei unico... non conosco nessuno come Te...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0