username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Dietro inutili occhiali neri

Svestita del sorriso
mi stringo nella pelle
come dentro ad un pesante
cappotto nero.

Acqua e fuoco,
istinto e ragione,
coraggio e paura
si rivoltano...
lacerandomi dentro.

Inspiro aria
tra freddo cinismo,
infantile ingenuità ... pudore
che mi fa ancora arrossire le guance,
cercando la giusta risposta.

Respiro ancora... lentamente...
soffocando le urla trattengo il dolore
e facendo finta di non sentir nulla
nascondo la mia fragilità
dietro un paio di inutili occhiali neri.

 

5
9 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Gianni Spadavecchia il 01/03/2012 14:19
    Testo incisivo e chiusa molto efficace. Poesia da leggere.
  • tylith il 29/02/2012 23:57
    Rimani senza niente addosso, anche il sorriso hai tolto dal volto e la pelle diventa un cappotto nero.
    Dentro di te una vera rivoluzione che vede i due elementi primordiali combattere ferocemente e l'unica a perire è la poetessa, lacerata dalla forza disumana di queste emozioni.
    L'incontro tra cinismo e l'ingenuità farebbe arrossire chiunque perché mai questi due "individui" dividerebbero la stessa stanza.
    Respiri ancora, sei ancora viva nonostante tutto lo stravolgimento interiore e la presunta fragilità si nasconde dietro un paio di occhiali neri, che richiamano la pelle nera del primo verso, ma non penso che la protagonista sia fragile ha vinto lei, anche se ora riposa almeno la vista, dopo la feroce battaglia. Mi è piaciuta tantissimo!
  • Anonimo il 29/02/2012 21:40

9 commenti:

  • Anonimo il 01/03/2012 19:02
    urla trattenute svestita di sorriso... nascondo al dolore la mia fragilità... mettendo a mo' di maschera occhiali neri... bellissima vilma molto brava
  • mauri huis il 01/03/2012 17:14
    Elegante disperazione. Struggente e affascinante. Delle migliori, purtroppo per te.
  • karen tognini il 01/03/2012 15:02
    Bellissima poesia introspettiva Vilma... brava come sempre...
  • Anonimo il 29/02/2012 22:17
    L'ho letta e l'ho riletta, più volte. La tua capacità di trasmettere la sensazione del dolore attraverso l'uso di parole e di conseguenza attraverso immagini ha un qualcosa di sorprendente. Ero davanti a un computer e contemporaneamente dietro un paio di occhiali neri. Bellissima, mi sa che ogni tanto ci tornerò
  • tylith il 29/02/2012 16:47
    Mi è piaciuta moltissimo, missà che ci ritornerò con più calma!
  • loretta margherita citarei il 29/02/2012 16:40
    molto bella trasmette le emozioni provate complimenti
  • Anonimo il 29/02/2012 16:18
    una poesia asessuata... intrisa di intuito e scritta veramente bene... sei bravissima
  • Teresa Tripodi il 29/02/2012 16:07
    brava brava B R A V A... che ti devo dire... mi è piacita è una descrizione di attimi in cui mi rivedo... gli occhi quelli si dice che siamo incapaci di mentire... io dico di no pure quelli dicono bugie... ma alcuni sguardi se sai coglierli non mentono mai... mai quelli sono sguardi cattivi... e chi invece ha cuore e sentimento invece cerca la maschera perchè non vuol far trapelare sofferenza...
  • anna rita pincopallo il 29/02/2012 15:38
    molto bella piaciutissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0