PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un fiore, una corolla, un immenso amore

Camminava lungo il fiume
agli argini della malinconia,
sul capo canuto un cappello
dalle larghe falde
celava il suo sguardo,
la luce fioca dei lampioni
sulla pelle ombreggiava.
Si reggeva a stento sulle fragili gambe
trascinando i piedi... un sacco di cemento
legato alle caviglie.
Stringeva tra le mani un fiore,
una corolla di margherita
senza alcun petalo.
Spesso sedeva sui marciapiedi
grigi di città,
non chiedeva elemosina
ma solo beltà.
Deambulava ai margini della vita,
in un teatro d'illusioni
ritroverà la sua immagine,
nel lento dipanare d'ombre
le donerà un fiore, una corolla.
S'ameranno sul madido manto erboso,
tra le dita un ricordo,
"sarà di nuovo aria,
respiro... sarà di nuovo vita!"

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Angelo Senatore il 04/10/2012 16:11
    Bellissima complimenti, mi ha ricordato De' Andrè per alcuni versi XD
  • Don Pompeo Mongiello il 01/03/2012 18:49
    Descrizione incantevole seppur tristezza suscita al cuore del lettore, ma che trova poi alleviamento in una speranza non certamente vana del domani migliore.

12 commenti:

  • sara zucchetti il 24/03/2012 17:52
    Malinconica e tenera nella nuova vita che rinasce, metafore e finali molto belli
  • Anonimo il 13/03/2012 15:29
    bella Dolce... un lento cammino di chi vive emargianto, sino a che ritroverà la nuova vita quella vera...
  • Don Pompeo Mongiello il 08/03/2012 13:14
    Un laudo dovuto per questa tua eccezionale!
  • Ugo Mastrogiovanni il 08/03/2012 10:01
    L'evoluzione dei concetti trascritti, oltre al suono segreto del pensiero umano, sono l'espressione di una perfetta di un consolidato altruismo.
  • giuseppe bevacqua il 05/03/2012 08:39
    tristezza e speranza nel gioco della vita, mi ricorda l'uomo in frak di domenico modugno con finale diverso.

  • Fabio Mancini il 01/03/2012 23:50
    Con un tocco di malinconia descrivi la vita al margine. La vita spesso ci mette nella condizione di dare speranza a chi non ne ha e bellezza a chi l'ha perduta. E tu hai l'intelligenza emotiva di offrire entrambe le cose. Un bacio gentile, Fabio.
  • Anonimo il 01/03/2012 19:49
    Io dico... che sei molto brava. Questa tua (come tutte le tue)è molto bella e "sentita".
    Complimenti.
  • Gianni Spadavecchia il 01/03/2012 13:20
    Ottima chiusa, piaciuta molto.
  • Dolce Sorriso il 01/03/2012 12:34
    grazie ragazzi, i vostri commenti sono poesia... grazie!!!!
  • Vincenzo Capitanucci il 01/03/2012 11:33
    Bellissima Anna... vagabondando in un anima d'Amore... chiedente solo beltà...
  • - Giama - il 29/02/2012 22:43
    riesci ancora una volta a descrivere una vita tratteggiandone i contorni, gli doni una bellezza profonda, quella della sua anima e proietti la sua ombra oltre la vita stessa, dietro la luce di un sole al tramonto...
    bellissima anna!
    ciao ciao
  • nicoletta spina il 29/02/2012 22:07
    Dolcissima e malinconica, tiene tra le mani la bellezza della sua età e della vita vissuta. Un fiore e un sorriso a te!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0