PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Delirio notturno di una creatura alla sua anima dannata

Questa notte un'anima non prenderà il volo.
Chiuderà la sua mente
sui suoi dolori
sui suoi rimpianti
sulle sue passioni
e sul suo perduto amore.
A cosa serve rimarginare le ferite
già lacere
e putride?

Raggi di luna
s'infrangono sul suo volto;
d'oblio
e tregua
chiede disperatamente!

Pegaso... caro amico,
portala con te ancora una volta
un'ultima battaglia ancora!

Forza,
falle indossare l'armatura!
anima gremita di ardore e passioni.
Non ha mai dimenticato
l'antico furore.

Del suo male
così forte
si sta innamorando.

A cosa serve avere mani
che trovano rifugio
nel candore di una gola fanciulla?

Ormai ubriacata del proprio dolore,
un ultimo respiro
esala.

 

0
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 03/10/2016 07:11
    apprezzata... complimenti.
  • Dark Angel il 08/05/2012 11:09
    questa tecnica è una delle mie preferite (i miei complimenti oscuri alle dissonanze dell'anima)

1 commenti:

  • Pasquale Bufano il 08/04/2012 15:34
    L'anima ferita che non riesce a prendere il volo e che cerca vendetta cerca sfogo nella poesia. Brava Giorgia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0