PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ad un amico

Oggi un amico accompagna il mio cammino,
timidamente osserva il mondo
e ne trae gioia e dolori,
felicità e scoramento.
Il suo procedere nella vita,
tra stagioni,
tradimenti,
lune d'agosto, donne appassionate,
gente spaesata e paesaggi,
lo conducono verso orizzonti in cui il solo incedere stanca
e lavorare diventa fatica dell'anima,
anche solo poetare
e giocare con settenari ribelli o composti che siano.
Cesare! - lo esorto -
si gira, mi vede, un saluto mi porge
con disattenzione volante.
Mi giunge la sua mano, carezza è sul volto
e pallori di nebbia mi abbracciano
e Torino diventa scenario di vita...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 04/03/2012 12:57
    Dedica ben composta nei suoi versi bellissimi.
  • Anonimo il 03/03/2012 20:37
    torino è una città stupenda! E tu l'hai trasformata in una città da favola!
  • Ivano Boceda il 01/03/2012 12:18
    È stato un piacere leggerla. Un uso sapiente del verso libero dove ciscuno dei versi ha un proprio senso compieto e aggiunge senso a senso nel costruire il significato complessivo della poesia. Bello in gioco di quel verso "e giocare con settenari ribelli o composti che siano" effettivamente racchiuso tra due versi settenari. Sensibilità poetica e capacità tecnica, tutto concorre. Bella.

14 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 12/03/2012 15:10
    Un serto floreale sul tuo capo io pongo per questa tua eccezionale!
  • augusta il 07/03/2012 15:23
    molto scorrevole...
  • tylith il 06/03/2012 23:17
    Ringrazio Elisabetta per il suo commento sperando di non avere ridestato un ricordo triste, ringrazio Mauro che so essere di Torino e che quindi avrebbe apprezzato questa poesia un po' da "intenditore" e ringrazio Nicola che sta visitando non solo Torino ma tutte le mie poesie, o quasi, insomma non si può esagerare... ricordiamocelo lavorare stanca... ciao
  • Elisabetta Fabrini il 06/03/2012 20:52
    Torino... avevo un amico anche io un volta... poi è svanito nella notte dell'inganno!!
    Bellissima... mi ha riportato alla mente un ricordo...
  • Anonimo il 06/03/2012 19:05
    Bellissima... poi c'e' la mia citta' in sottofondo... Valeva la pena poterla leggere
  • Nicola Lo Conte il 06/03/2012 18:04
    La tua sensibilità ti farà sempre trovare il modo giusto per sostenere il tuo amico di strada e di vita...
  • loretta margherita citarei il 01/03/2012 19:26
    molto ma molto apprezzata
  • Anonimo il 01/03/2012 16:32
    grande Pavese, grande poesia, grande tu, grandi tutti..
    brava tylth ciaooo
  • Anonimo il 01/03/2012 15:03
    Semplicemente bella. Una dedica bellissima. ciao
  • Ivano Boceda il 01/03/2012 13:17
    certo che puoi darmi del tu, non ho mai pensato di darti del "lei". Il leggerLa era riferito alla poesia. Anzi ti chiederò l'amicizia, anche perchè Pavese è davvero un amico comune.
  • Gianni Spadavecchia il 01/03/2012 13:13
    "Immensa" la poesia.. Buon pranzo!
  • tylith il 01/03/2012 13:04
    Grazie Ivano per il passaggio nelle mie "pagine" posso chiederti di darmi del tu, io mi prendo già la libertà di farlo, se non Ti dispiace. I commenti che mi lasci mi lusingano e mi fanno capire che anche questi versi dedicati a questo grande poeta, possono essere interpretati e reinterpretati a diversi livelli. Grazie!
  • tylith il 01/03/2012 13:01
    Grazie Dora per il tuo commento, l'amico di cui parlo e a cui dedico questi semplici versi è Cesare Pavese, quindi è un amico che abbiamo in comune direi!
  • Dora Forino il 01/03/2012 11:40
    Una bella dedica ad un caro amico,
    che descrivi con affetto e lo esorti sempre.
    Gradita.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0