accedi   |   crea nuovo account

Calpestando l'Anima dell'Infinito

Calma
con voce serena

in Lei
non c'era nessuna sofferenza

mi disse

pochi mi hanno veramente abbracciata
se non in attimi di dolore

o in gioie esaltate in cui mi hanno spesso violentata nel mio dire

ho sempre vissuto sotto i piedi degli uomini
donando a loro
quel po' di sole che mi ero portata giù dal cielo in dote nuziale da distribuire in Amore

 

7
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 01/03/2012 18:10
    Versi che stillano emozioni in uno stile e forma incantevoli.

5 commenti:

  • - Giama - il 01/03/2012 23:42
    particolarmente intensa ed evocativa devo dire, viene voglia di scrivere un seguito per dare un lieto fine, anzi infinito...
    grandissimo!
    ciao ciao
  • Anonimo il 01/03/2012 21:00
    Bravissimo... Saggio Vincè! Bella poesia su cui riflettere.
    "pochi mi hanno veramente abbracciata
    se non in attimi di dolore
    o in gioie esaltate in cui mi hanno spesso violentata nel mio dire"
  • Anonimo il 01/03/2012 15:38
    è l'anima che spesso si calpesta... e con lei tutto il nostro essere ma l'anima sa volare in alto...
    molto bella e sentita bravo come sempre vincent
  • Anonimo il 01/03/2012 15:05
    Gli uomini, piuttosto che abbracciare l'anima dell'infinito, preferiscono abbracciare il nulla del finito. E di questo nulla ne fanno un gran castello con una scala esterna a chiocciola su cui salgono e scendono continuamente ossessionati dal vuoto che si affannano a riempire col secchio bucato del loro io non io, non mio ma loro. E l'anima dell'infinito langue insieme alla coscienza che diventa incoscienza e culla della non conoscenza, del finito, del non amore.
    Bravissimo Vincé!
  • karen tognini il 01/03/2012 14:11
    Bellissima Vince... bellissima riflessione sull'eterno dell'anima... ho sempre vissuto sotto i piedi degli uomini
    donando a loro
    quel po' di sole che mi ero portata giù dal cielo in dote nuziale da distribuire in Amore

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0