PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Calpestando l'Anima dell'Infinito

Calma
con voce serena

in Lei
non c'era nessuna sofferenza

mi disse

pochi mi hanno veramente abbracciata
se non in attimi di dolore

o in gioie esaltate in cui mi hanno spesso violentata nel mio dire

ho sempre vissuto sotto i piedi degli uomini
donando a loro
quel po' di sole che mi ero portata giù dal cielo in dote nuziale da distribuire in Amore

 

7
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 01/03/2012 18:10
    Versi che stillano emozioni in uno stile e forma incantevoli.

5 commenti:

  • - Giama - il 01/03/2012 23:42
    particolarmente intensa ed evocativa devo dire, viene voglia di scrivere un seguito per dare un lieto fine, anzi infinito...
    grandissimo!
    ciao ciao
  • Anonimo il 01/03/2012 21:00
    Bravissimo... Saggio Vincè! Bella poesia su cui riflettere.
    "pochi mi hanno veramente abbracciata
    se non in attimi di dolore
    o in gioie esaltate in cui mi hanno spesso violentata nel mio dire"
  • Anonimo il 01/03/2012 15:38
    è l'anima che spesso si calpesta... e con lei tutto il nostro essere ma l'anima sa volare in alto...
    molto bella e sentita bravo come sempre vincent
  • Anonimo il 01/03/2012 15:05
    Gli uomini, piuttosto che abbracciare l'anima dell'infinito, preferiscono abbracciare il nulla del finito. E di questo nulla ne fanno un gran castello con una scala esterna a chiocciola su cui salgono e scendono continuamente ossessionati dal vuoto che si affannano a riempire col secchio bucato del loro io non io, non mio ma loro. E l'anima dell'infinito langue insieme alla coscienza che diventa incoscienza e culla della non conoscenza, del finito, del non amore.
    Bravissimo Vincé!
  • karen tognini il 01/03/2012 14:11
    Bellissima Vince... bellissima riflessione sull'eterno dell'anima... ho sempre vissuto sotto i piedi degli uomini
    donando a loro
    quel po' di sole che mi ero portata giù dal cielo in dote nuziale da distribuire in Amore

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0