username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Lo Paradiso

L'Animula mea
a lo su' Angiolo
attaccata se tenea,
quanno de botto
su 'na candida novola,
striata qua e là
da fette de Celeste spazio,
uno enorme portone,
a fer finemente battuto,
maestoso se ergea
co' li battenti serrati;
l'Animula mea
patientia nun avea,
e la avessi avuta,
poiché a lo su' turno
un netto rifiuto
da lo Angiolo guardiano
se sentì
a la orecchia tonar:
- Su la tera
st'Animula
ancor parte fia.
E così
ne lo soma meo
accasata de novo,
insieme vaghiamo
per questa mortal vita,
senza lo mistero
svelato aver.

 

3
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 03/03/2012 18:51
    Bella e godibile parabola...
    raccontata come solo tu sai fare...
  • Vincenzo Capitanucci il 02/03/2012 08:43
    Splendida Don... non solo per il Tuo arcano stile di scrittura... ma per le riflessioni che suscita...
    in molti di noi c'è l'ardente desiderio di svelare questo mistero del Paradiso... e da vivi e non da morti... penso che il Paradiso... da come l'intendo io...è legato alla Terra promessa... ad una nuova Coscienza... che scende in Sposa divina sulla Terra... e ci trasforma Tutti... in un mondo d'Amore... trasformando l'aldilà in un aldiquà... sembra follia... ma è la promessa di Tutte le Sacre Scritture... dalla Bibbia... ai Veda.. Vedanta... Upanischad... ed Altre.. non è un ritornare ad un Eden.. o ad una epoca d'oro... ma ad un qualcosa di completamente (completa mente)nuovo... che non è mai esistito... ma che era insito in noi... come una ghianda che ha già in sé la Quercia...
    il problema è del Quando... e Tu sai bene Don che nessuno lo sa... ma in un attimo quando avverrà.. sarete trasformati...
  • - Giama - il 02/03/2012 00:06
    originale e piacevole, come sempre Don!

    Bravo bravo
  • Anonimo il 01/03/2012 23:48
    La domanda che mi sorge spontanea è: caro Don la vita che è tornata, è tornata perché graziata oppure condannata?
  • loretta margherita citarei il 01/03/2012 20:12
    molto originale piaciuta molto
  • Teresa Tripodi il 01/03/2012 19:44
    *molto apprezzata... mi sono persa una Z
  • Teresa Tripodi il 01/03/2012 19:43
    ed è difficilissimo svelare quel mistero, ma il cuore batte Don ed è un costante segugio che sfida a "singolar tenzone" tutto ciò che molesta la sua ricerca... molto apprezata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0