accedi   |   crea nuovo account

'Fanculo alla banalità

Una volta ero a bere un Martini dry
dentro ad un locale
fin troppo banale.

Il barista puliva il bancone
con il suo sguardo da cialtrone.

Due uomini erano a parlarsi
glorificandosi dei loro fatti falsi.

Altri due erano seduto ad un lato,
proprio a non far niente,
ed io ero dall'altro
con il mio solito sguardo indifferente.

Ad un certo punto
quei due che erano a glorificarsi
dei loro fatti falsi

non sò cosa sentirono
o cosa videro

ma presero uno sgabello
e lo lanciarono contro
a quegli altri due
che arrivar non lo sentirono
e dritto in faccia gli arrivò preciso.

Nel locale non c'èra nessuno fino a quel momento
ma non so né il perché né il per come
a far rissa c'era un intero plotone

Bianchi,
neri,
puttane,
avvocati

perfino quegli altri due
che erano seduti al lato
proprio a non far niente

ma pare che qui
alla fine
nessuno se ne pente.

"Com'è tutto banale" pensai
Sorseggiando il mio Martini Dry

Ma poi il barista si nascose sotto al bancone
mentre un coglione mi sfiorò il maglione.

E forse per sbaglio ma
il mio Martini Dry cadde
mettendo la sua vita a repentaglio.

Ruppi una bottiglia vuota sopra al bancone
mi girai e dissi: "Dov'è quel coglione?"

'fanculo a quello che ho detto poco fa,
riguardo alla banalità

di scatto mi alzai
e in mezzo alla rissa
mi scaraventai.

 

5
7 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/03/2012 20:47
    poesia all'avanguardia... un po' snob, molto dandy, ma anche parecchio ironica, davvero carina!!!
  • Raffaele Arena il 01/03/2012 23:33
    Stefano, se è un fatto vero, tanto di cappello alla capacità in cui lo descrivi (eviteri la pubblicità su marche di alcolici dannate). Se e' di invenzione, devi cambiare, ovvero tornare a quele tue bellissime poesie scritte con il cuore. la trovo troppo da saluni e all"Buckolsky". Liberati un po' di questo autore, soda altri scrittori diametralmente opposti, lo dico per la tua crescita, lo sai!

7 commenti:

  • STEFANO ROSSI il 02/03/2012 13:36
    Grazie Vincenzo i tuoi commenti sono sempre molto apprezzati anche perchè capisci sempre ciò che voglio esprimere grazie davvero!
  • Vincenzo Capitanucci il 02/03/2012 13:34
    Quando veniamo toccati... basta anche un Martini dry.. rovesciato e ci scaraventiamo nella banalità di noi Stessi... in poche parole si va in bestia...

    Bravissimo Stefano... sembrava una Poesia "banale" invece èimmensa per atmosfera e contenuto..
  • STEFANO ROSSI il 02/03/2012 11:59
    ringrazio tutti per i commenti, nelle mie "opere" si può sentire l'influsso del vecchio Buk è vero ma ciò che scrivo è perchè lo vivo, lo sento. il difficile non è scrivere poesie ma viverle. un abbraccio a tutti.
  • Teresa Tripodi il 02/03/2012 09:24
    Raf... scusa so di parte Buk forever faccio il tifo... ihihihih
  • cometa il 02/03/2012 07:44
    sir Lancillotto e' tornato?
  • Teresa Tripodi il 01/03/2012 23:05
    E poi le hai prese???... tu e l'amico bicchiere siete una coss sola Ste?... giá mi faccio i fatti miei fino a quando non mi toccano... Simpaticone occhio a fegato e non fare gestacci guarda che immagino il pensiero dopo la mia ultima affermazione
  • Anonimo il 01/03/2012 22:38
    Bravissimo, un bel fan culo a tutti, ogni tanto fa bene e aiuta a vivere meglio... chissà, magari anche sul sito.
    Ammazza però, l'hai definita poesia libera, ma qua ci sarebbe da mandare in galera qualcuno!
    Complimenti mi hai fatto ridere un sacco!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0