username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il dono della natura

La brina gelata del primo mattino
si scioglie all'incontro col primo raggio di sole,
che segna l'inizio del nuovo giorno,
restituendo con lenta carezza
a l'erbe, agli alberi, ai fiori
e alla terra che li trattiene,
il colore della vita.
Così tutto ricomincia e del giorno che muore
ne rimane soltanto il respiro vaporoso d'ogni cosa,
che disegna forme di fumo
mutanti a ogni soffio di vento.
Si ode la vita che si sveglia,
nel mondo appannato.
Fugge dalla notte, il buio paesaggio,
tingendosi della luce del giorno.
Il vociare di uccelli e la gioia chiassosa di tutto il creato
annunciano che è già mattino,
rendendo il mondo un posto incantato.
Nulla è più semplice del vivere
che nel suo stato complicato,
è tutto ciò che la natura ci ha donato.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • giorgio giorgi il 21/03/2012 22:14
    Come una preghiera mattutina, piena di luce e di amore per la natura, una capacità di ascolto che percepisce e gioisce e si commuove al risveglio della vita.