username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Cuore e ragione

confonde
l'innamoramento,
con azzurra nebbia
offusca la ragione
e come nella rivoluzione
copernicana,
nell'amoroso nostro sentire,
giriamo, storditi, intorno
all'amato, nostro sole.

Accecati gli occhi
dal suo bagliore,
non discerniamo altra realtà
se non quella dettata dal cuore,
senza mai vedere dell'altro
i coni d'ombra.

Persi nella passione,
in stato di grazia,
nella primavera del cuore,
completamente abbandonati,
ci illudiamo di vivere
in un eterno cielo sereno
dove mai vi saranno
oscure nuvole.

Ma Amor muta come
varia il tempo, e spesso accade
di ritrovarsi inzuppati
fino all'osso,
da un imprevisto temporale,
e nella poggia della disillusione
straziarsi l'anima ed il cuore.

Per vivere il sentimento
occorre ben miscelare
il cuore alla ragione...

come nel mese di marzo..
portare sempre l'ombrello
anche se v'è il sole.

 

5
8 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Grazia Denaro il 06/03/2012 22:21
    Bisogna amare, ma non con la benda negli occhi e senza l'ombra d'un ragionamento quando qualcosa pensiamo che non vada, bisogna approfondire le ragioni, oppure metterle in chiaro, in amore non è mai tutto bianco o nero, ci sono anche i grigi soffusi che man mano che passa il tempo spesso tendono a scurire, solo che chi è innamorato, o non vuol vedere, o tende a giustificare alcune mancanze, fino a quando la lacuna diventa evidente. Si innamorarsi, ma cercare di tenere gli occchi bene aperti e rendersi conto delle vere situazioni. Bella lirica per contenuto e per dorma, molto apprezzata!
  • cristiano comelli il 03/03/2012 19:44
    Sì, cara Loretta, l'amore è da vivere nel corso della storia, è esso stesso storia. Personalmente rifuggo dal concetto di amore eterno se non lo ricollego alla dimensione divina, cosa inevitabile e doverosa per chi si professa credente come il sottoscritto. Ma il divino ci sussurra di vivere sempre al massimo dell'intensità l'amore dentro la storia che ci ha affidato, perchè così esso si fa davvero amore tendente all'infinito; l'amore è un processo che si compie storicamente, non qualcosa di già fatto e finito, per fortuna. Se qualcuno mi dicesse di avere scoperto l'amore, gli direi di fare attenzione a quest'affermazione; l'amore non si scopre mai totalmente, se si crede di averlo scoperto totalmente, è la volta buona che si atrofizza. L'amore è fatto per crescere, alimentarsi di continuo, non per la stabilità. Anche nell'ambito di un rapporto di coppia stabile, l'amore deve conservare il suo dinamismo, a mio modesto avviso, altrimenti, appunto, si fossilizza in forme definite e si annoia di se stesso, fino a "suicidarsi". Cordialità e complimenti.
  • Giulia il 03/03/2012 18:03
    L'amore, quello che non ti apre gli occhi alle imperfezioni ma ti acceca, ti abbaglia l'anima e distrugge la razione! Credo sia una delle sensazioni ed esperienze più belle che la vita ci regala. Sta a noi tenere sempre gli occhi aperti, anche quando il sole è troppo forte; sta a noi appunto portare sempre l'ombrello
    anche se v'è il sole! Come dici tu, miscelare bene il cuore e la ragione. Innamorarsi è facile, amare un po' meno. Complimenti, bella poesia.
  • Salva il 03/03/2012 17:44
    non vi è ragione di illudersi se il cuore non s'apre, anche se consapevole di chiudersi in una giornata di primavera piovosa, esso freme o per paura o per illusione gioendosi o amareggiandosi.

8 commenti:

  • Ivano Boceda il 06/03/2012 13:37
    ... piacevolissima. Che bello essere sempre storditi... e passare così il tempo che la vita ci da! Ogni tanto qualche mal di testa ma anche quello è vivere.
  • Anonimo il 04/03/2012 18:06
    Amica mia Cita, concordo con te ma fino a un certo punto. Intanto, ai coni d'ombra, preferisco quelli al limone e poi, se ci portiamo sempre l'ombrello o gli occhiali da sole, non viviamo mai sereni e liberi fino in fondo-
    Quando ci coglie l'acquazzone, pazienza... proveremo anche quell'emozione di bagnarci all'improvviso!
    Brava Lor Margh Cita!
  • Don Pompeo Mongiello il 04/03/2012 12:46
    Un laudo dovuto per questa veramente eccezionale!
  • Anonimo il 04/03/2012 09:47
    Bella e profonda riflessione... e condivido in pieno con Giulia.
    Bravissima Lor... direi che sei sempre più brava ad esprimere le tue senzazioni, i tuoi pensieri in poesia.
  • cesare righi il 03/03/2012 19:09
    Fotografi la tua anima, che poi e' l'anima degli uomini, magistralmente. Quanto sei... sei... sei... Loretta un abbraccio e tanti auguri
  • karen tognini il 03/03/2012 18:30
    È propio cosi'.. non siamo mai uguali... meglio uscir come fanno gli inglesi con l'ombrello...
  • Vincenzo Capitanucci il 03/03/2012 17:42
    Bisogna essere dei Lord... uscire sempre con l'ombrello... la mattina ci può essere il sole... ed il pomeriggio piovere..

    Brava L'Or...
  • Auro Lezzi il 03/03/2012 17:30
    A volte mi verrebbe voglia di dartelo in testa quell'ombrello..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0