accedi   |   crea nuovo account

Quante pene nell'essere

Spigoli che sfaccettano l'anima
senza mai prostrarsi alla mente,
il cuore unico padrone
bacia la manna
che si dissolve in rivoli di lacrime.
Solerte soffre
perduto in un nero labirinto.

 

0
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 03/03/2012 19:58
    Un lodevole verseggiare... Quante pene nell'essere... perdute in un nero labirito, senza uscita alcuna... Solo nella solitudine... Solo nell'oscurità!!!
  • cristiano comelli il 03/03/2012 19:35
    Esiste sicuramente la componente della sofferenza nell'essere umano ma qussti sa, dopo averne colto la presenza, anche colorarla di significato e mutarla in nuova opportunità di vita. È la strada maestra da percorrere, altrimenti la sofferenza, componente ineludibile dell'esistenza umana, diventa un tempo neutro, non vissuto, come taleperduto per sempre. Cordialità.

2 commenti:

  • Grazia Denaro il 06/03/2012 22:58
    Molto lodevoli questi versi che esplicano come il cuore soffre
    senza che nessuno e niente interferisca.
  • loretta margherita citarei il 03/03/2012 21:15
    molto bella ed originale complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0