accedi   |   crea nuovo account

La casa si risveglia ogni mattina

L'incedere di pensieri e degli accordi,
la casa si risveglia ogni mattina.
Noi nella casa restammo
tutta notte
mentre il mistero le girava attorno.
Né le vedemmo noi, dai nostri letti
le ombre dei santi,
di morti o dei traditi
ferme agli incroci
sino al discender fosco.
Il sonno chiude le porte
nel suo modo antico
i semafori
lumeggiano ai dispersi.
Sin tanto che le ombre,
fattesi tarde, rientrano
nelle coppe dell'oscuro,
al primo filo
non ancora raggio.

La casa si risveglia ogni mattina.

 

l'autore mariateresa morry ha riportato queste note sull'opera

La poesia nasce da un mio pensiero che immaginavo fin da bambina:ma cosa accade di notte, fuori dalla mia casa nel buio, mentre dormiamo?


7
8 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/01/2014 11:41
    Molto apprezzata, complimenti.
  • STEFANO ROSSI il 06/03/2012 14:20
    bella davvero! un alone di mistero formano questi tuoi versi. ben scritta e molto ma molto piaciuta
  • Alessandro il 06/03/2012 00:42
    Il mistero della notte: cosa accade intorno a noi, mentre dormiamo? Vuoto immobile o forze sconosciute e silenziose all'opera? Davvero suggestiva
  • Raffaele Arena il 05/03/2012 20:29
    Surreale, ha ragione Corbo, ricoda un po' la Allende, meravigliosa.

8 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 06/03/2012 19:20
    Un serto floreale sul tuo capo io cingo per questa tua eccezionale!
  • Nunzio Campanelli il 06/03/2012 12:23
    Sarebbe interessante verificare se, in un'eventuale versione scritta in inglese, avresti usato il termine home o house. Differenza non irrilevante visto che a casa mia il risveglio della prima raramente coincide con quello della seconda (e viceversa).
    Bello il linguaggio. Opera non comune.
    Ciao
  • Vilma il 06/03/2012 11:06
    Questi versi sono molto suggestivi e mi piace... molto
  • Gianni Spadavecchia il 05/03/2012 21:12
    Solo una persona della tua grandissima intelligenza riesce a chiedersi ciò.. Molti se lo saranno domandato, ma la risposta rimane vaga. Bella poesia!
  • mariateresa morry il 05/03/2012 20:39
    Ragazzi, mettetevi d'accordo! C'è chi vede in me un pochino di Pavese, qualche altro la Merini, ora la Allende.. troppa grazia!! E se fosse solo la povera Morry? Comunque grazie, questo pezzo lo ritengo un po' difficile, non mi aspetto che piaccia, però l'ho messo lo stesso... Mercì
  • vincent corbo il 05/03/2012 13:12
    Leggendo questa poesia mi ha fatto subito ricordare la letteratura sudamericana. La Casa degli spiriti, un libro che ho amato molto.
  • Anonimo il 05/03/2012 09:27
    mi hai ricordato i racconti di mia nonna, grande saggia, con la quale sono cresciuta..."al rintocco dell'ave maria tutto si cheta e torna la pace"... mi è piaciuto... sicuramente non siamo soli...
    un abbraccio
  • mauri huis il 04/03/2012 21:43
    Abbastanza "noir" e per una volta anche un po' criptica, come merita l'argomento. Vien fuori bene il sentimento che provavi da bambina, personale e un po' inquietante. Piaciuta. Una cosa inquieta anche me: il trio di "fantasmi". I santi i morti ed i traditi, brrr... bello il discender fosco, il lumeggiare ai dispersi, le coppe dell'oscuro e il filo non ancora raggio. Ancora una volta complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0