PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Bramo la festa

Bramo festa.
Quella festa
che sia incontrastata rivalsa,
che sia sconfitta
definitiva
della violenza,
qualsiasi violenza
concepita su di me
nelle menti
d'ogni grande,
piccolo uomo...
della terra.
Voglio mani tese.
Mai più minacciose.
Mai più per colpire
di paura la mia
presunta debolezza,
ma per condurre,
insieme,
con ponderate redenzioni
le mille contraddizioni.
Bramo festa
non solo per un giorno,
ma per ogni attimo
della vita,
qualsiasi vita di donna,
con fiori che sboccino
nei vasi del quotidiano
convivere,
nelle interpretazioni dei dogmi di fede
che mi sollevino,
negli sguardi franchi
e rispettosi
che mi riconoscano
come sono,
come devo essere,
come voglio essere...
donna libera,
decisa di scelte,
di consensi e di opposizioni,
amante e amata
da ogni grande, piccolo uomo
della terra!

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • salvatore maurici il 04/03/2012 23:14
    La poesia della festa di Mariella Mulas è il desiderio di vivere una giornata bella, piena di colori, sapori di cibi tradizionali, di odori che coprono quelli della quotidianità e poi le voci dei festanti che cantano di gioia, auspicano in coro "che sia sconfitta" la violenza, ogni forma di violenza. La festa è anche una metafora perché ognuno di noi possa vivere la propria vita all'insegna della libertà e del rispetto. È una bella poesia, poesia della speranza e della gioia di vivere.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0