PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pazzia

alla sera
si spegne assiderato
nel gelo di novembre
l'ultimo barlume di un sogno

quello che t'ha cercato
nella fogna dell'anima
tra liquami fetidi
e topi

scoli di rabbia e fede
in dopate idee futuriste
purulente eiaculazioni
secrete dal mostro
che mi vive dentro
in assenza di cielo

 

6
6 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • STEFANO ROSSI il 06/03/2012 22:29
    PAROLE FORTI! pazzia!!!! c'è chi dice che la pazzia è una fomra di normalità, chissà se è vero?!!!!
    mi piace tantissimo questa tua poesia senzamani. sei unico!!!!!!!
  • Teresa Tripodi il 06/03/2012 12:39
    Forte calcio alla memoria, che chiama invoca e urla il suo cercare... appare un delinato modi descrittuvo di ció che è il mostrare ció che quasi vuole o vorrebbe o per alcuni dovrebbe essere invocato... non si trasfigura l'heaven con i suoi colori, ma solo una fatiscente veritá che smista nel peggiori percosi di veleno e trova il suo grigiore e una patina sopra la luce... affascinante è travogente, misterioso e audace... sempre meraviglioso Manì.
  • Raffaele De Masi il 05/03/2012 22:14
    Impressionante. Questa poesia è satura di un oscurità oppressa che rischia di essere doloramente trasudata da ogni orifizio. La pazzia è la conseguenza della mancanza, della negazione. Mi piace, è bella e maestosa.

6 commenti:

  • mirtylla il 06/03/2012 17:02
    Sembra lotta di un animale ferito, dove per sopravvivere striscia nel fango della sua anima, e giù ancora più giù dove tutto è concesso, ed il corpo grida il suo strazio...
    divina questa poesia
  • Gianni Spadavecchia il 06/03/2012 15:13
    Ottima! Piaciuta davvero! Utilizzati termini forti e diversi dall'ordine del giorno. Apprezzata soprattutto per questo.
  • mauri huis il 06/03/2012 07:36
    Questa non è pazzia, è amarezza. Ed è molto, molto peggio. Urge botta di culo, in mancanza della quale consiglierei "amor fati" di Marcello Veneziani. Un abbraccio.
  • Alessandro il 06/03/2012 00:23
    Fredda pazzia che toglie il sonno, la mente intrappolata nelle segrete che celano esseri mostruosi. Scorrevole e d'impatto. Complimenti
  • - Giama - il 05/03/2012 22:55
    poesia forte, una pazzia che mostra di avere tanta ragione d'essere in questi versi su cui quel cielo assente pare esservi caduto sopra...
    vera poesia!
    complimenti!!!
  • Elisabetta Fabrini il 05/03/2012 22:12
    Bellissima... forte e intensa.
    Bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0