PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

S'avvicina l'otto di marzo

taciterò lo spirito
abbasserò lo scudo
deporrò la spada
svestendomi da guerriero,
il giorno che si scriverà
la verità
fin d'ora annacquata
da antico pregiudizio,
vizio di forma e di convenienza
sulla religiosa divina Creazione.

Si dovrà dire
che l'uomo e la donna
entrambi amati da Dio
in egual misura,
furono creati
nello stesso istante,
come anime complementari
in funzione l'uno dell'altra,
in simbiosi pura d'amore.

Sono stanca di scontare
l'antica colpa,
sentirmi ladra
sia per la costola che per la mela
d'esser figura sempre in secondo piano
nei cicli della storia...

Tu, uomo, amami
come io ti amo!
AMAMI CON PURO AMORE!

 

14
17 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 06/03/2012 22:41
    Grazie per questa buona poesia, cara Loretta. In effetti noi uomini avremmo bisogno di essere un po' più "ladri" di quanto voi donne ci sapete dare in misura immensa; dovremmo essere più "ladri" della vostra sensibilità, della vostra tenerezza, della vostra capacità di mantenere l'equilibrio quando in un rapporto amoroso le cose cominciano a non filare per il verso giusto; dovremmo insomma "rubarvi" di più il modo di amare veramente qualcuno, al di là di ogni apparenza. Cordialità e complimenti.
  • STEFANO ROSSI il 06/03/2012 14:36
    Ottima poesia per una festa a mio parere molto importante per quello che ricorda. Complimenti davvero! e buon 8 marzo a tutte
  • Ivano Boceda il 06/03/2012 14:20
    Piacevolissima. Bella poesia nella struttura ritmica e nella scelta del lessico. Globalmente condivisibile nel sua significato; solo mi disturba un po' quell'insistita relazione la "amore" e "purezza", A questo proposito eliminerei l'ultimo verso che sembra affermare una possibile differenza tra il "sentire" maschile e quello femminile (Tu uomo amami come io ti amo! amami con puro amore)tale da giustificare il racconto delle origini.
  • senzamaninbicicletta il 06/03/2012 10:20
    "Sono stanca di scontare l'antica colpa, sentirmi ladra sia per la costola che per la mela d'esser figura sempre in Secondo piano nei cicli della storia..." CHE BELL'ASSUNTO LORETTA. ma non ti crucciare perchè tutto ciò è frutto della leggenda che ha inventato la chiesa misogina. La tua poesia è molto bella e importante per il significato che esprime. La chiusa racchiude inoltre un desiderio di rappacificazione. Splendida
  • patrizia chini il 06/03/2012 10:11
    nuovo e originale questo canto contro la creazione divina.
    Con forza l'autrice chiede di non essere più presa in quell'ingranaggio fatale che ancora prima di nascere la presenta come ladra, adulatrice... e ance di peggio.
    Reclama la giusta parità: uomo e donna uguali nella vita e nell'amore. C'è un fuoco sacro che arde in questi versi.
  • Rocco Michele LETTINI il 06/03/2012 09:26
    AMAMI CON PURO AMORE... è questo che vorrei leggere nel cuore di tutti. Un lauto versicolare nella forma e nel sublime pensiero!!!
  • Don Pompeo Mongiello il 06/03/2012 08:04
    Poesia stilata in modo sublime, con un contenuto che condivido appieno.

17 commenti:

  • claudio meazzi il 07/03/2012 17:49
    Commuovi con in testo lucido
    e intenso!
    Per non dimenticare!
  • claudio meazzi il 07/03/2012 17:48
    Grazie Per questo testo lucido
    forte che grida oltre l'anima
    per un giorno da non dimenticare!
    Brava come sempre!
  • Anonimo il 07/03/2012 12:59
    Mi ritrovo in ogni parola di questa stupenda poesia. Grazie
  • mariateresa morry il 07/03/2012 01:15
    M'inchino a questa tua versione dell'otto marzo... mi verrebbe da scrivere per esteso il magnifico versetto della Genesi sulla creazione.."maschio e femmina li creò"... il resto è solo Storia scritta purtroppo dall'altra metà della Mela, per secoli...
  • Alessandro il 07/03/2012 00:01
    Un grido, una supplica d'amore che affonda le radici nei tempi lontani della Creazione: uomo e donna devono vivere in simbiosi. Piaciuta
  • mauri huis il 06/03/2012 22:40
    Molto bella fino al penultimo verso. Una tosta intemerata invero un po' annacquata, non volermene, dall'ultimo verso. Amami come io ti amo andava benissimo. L'amore puro, invece, secondo me, è quello che vi frega. Comunque complimenti!
  • Elisabetta Fabrini il 06/03/2012 21:21
    esiste questo puro amore?? mah, speriamo!!
  • cesare righi il 06/03/2012 21:19
    Normalmente quando tanti giudizi positivi esprimono il mio commento, non lo esprimo. Ma questa volta non posso non farlo Lo. Prova ad indovinare perché?
  • denny red. il 06/03/2012 18:35
    Ottima!! Lory, con una chiusa pura come una rosa rossa che chiede solo semplicemente Ama e basta.. Splenndida!! Lory. Ciaoooo..!!

  • Anonimo il 06/03/2012 16:35
    Ottima poesia Lor e la condivido in pieno!
    furono creati
    nello stesso istante,
    come anime complementari
    in funzione l'uno dell'altra,
    in simbiosi pura d'amore...
    Tu, uomo, amami
    come io ti amo!
    AMAMI CON PURO AMORE!

    Bravissima Lor!!
  • - Giama - il 06/03/2012 14:29
    Tu, uomo, amami
    come io ti amo!
    AMAMI CON PURO AMORE!

    ... et oui, ma dame Je t'aime!

    ciaooo
  • Anonimo il 06/03/2012 09:54
    bellissima e sentita... ciò che non si dice!!! ... il Signore ha sempre molto amato le donne... pensiamo a Maria Maddalena...
    comunque complimenti meravigliosa questa tua Lor...
  • karen tognini il 06/03/2012 09:41
    Splendida Loretta...
    siamo ancora lontani.. forse ci arriveremo.. un presidente nero in America l'hanno avuto.. adesso chissa' se noi prima o poi avremo un presidente del consiglio donna... o un papa donna.. mah.. la vedo dura... l'uomo è ancora ancora a certi pregiudizi...
  • Auro Lezzi il 06/03/2012 09:11
    E come si fa a non amarti Loretta cara... E ti amo anche solo leggendoti.
  • Anonimo il 06/03/2012 08:52
    Ma tu guarda una sola mela cos'ha potuto combinare! Avrei potuto capire un casco di banane, ma solo una mela...
    Per fortuna, era tutta un'allegoria che rispecchiava la mentalità di allora, quando qualcuno l'ha scritta.
    Di fronte a Dio, l'uomo è uomo, sia maschio che femmina e entrambi hanno pari dignità e vanno rispettati in quanto tali.
    Apprezzo la tua poesia e la tua giusta chiusa. Brava Lor Margh Cita, nonché amica mia!
  • Vincenzo Capitanucci il 06/03/2012 08:28
    Bravissima L'Or... anche nella Bibbia ci sono due genesi diverse... ma sembra che sia stata preferita... quella che colpevolizzava la Donna... ci sono voluti secoli prima che si attribuisse un'anima alla Donna... penso che Maria Maddalena sia stata la migliore discepola di Gesù... tornerò in chiesa quando vedrò una Donna celebrare una Messa... e quando avremo un Papa Donna... anche se dentro di noi... l'abbiamo già... la nostra anima...

    intanto camminiamo CONTINUIAMO AD AMARCI CON UN AMORE PURO... cosa non facile... per noi essere umani...
  • roberto caterina il 06/03/2012 08:02
    Giusta invocazione, ammirevole rivendicazione...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0