PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'irriconoscenza

Rimpiangi la tana accecata dal sole,
troppo violenta è la sua luce
per i tuoi occhi miopi.

Ti credevi brutta sporca di letame
ora sei vestita a festa in abiti di seta
e t'accorgi di sguardi cupidi
e ti senti donna libera e beffarda.

La riconoscenza che violenta il tuo IO
profondo
vendetta richiede per il tuo benefattore.

Uccidi, uccidi e maledici
nell'odio ritrovi la libertà perduta,
tutto quello che hai è solo tuo
tuo è il mondo tue le ombre
riflesse nella tana
che ti incoronano regina.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 12/03/2012 14:20
    Ti incoronano regina di un Mondo oramai perduto.
  • stella luce il 07/03/2012 17:20
    l'irriconoscenza... acceca tutto e tutti. Quando si è ottenuto il dono, non servi più... a nessuno interessa cosa lascia...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0