PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Voci

Amo questa città di nebbie
sinuose sino al limite
di lampioni solitari.
Quando la sera distendo
i passi sul troppo calpestato
tappeto d'asfalto e cerco
nessuno all'infuori dei muri
sento voci vaganti rese distanti
in un mare di grigio biancastro

 

3
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Franco Baldini il 14/03/2012 10:31
    Sintetico, introspettivo, ma reale e vivo nel contempo.
    Tutto cosi' ben descritto da poter essere impresso anche su tela,
    un quadro d'autore scritto in pochi versi.
    Il rumore, una strada, un uomo che cammina e dentro la nebbia nasconde se stesso e trova la pace surreale nel caos di una citta'. Occorre l'intima introspezione per ritrovare se stessi perduti tra le nebbie della vita.
  • Don Pompeo Mongiello il 07/03/2012 18:22
    Posso immaginarmi una città come Milano, che seppur avvolta da una fitta nebbia aveva e forse ha un fascino tutto suo, il resto è una conseguenza del giorno appena passato e la soddisfazione di poter finalmente riposare. Bella davvero.

4 commenti:

  • Anonimo il 13/03/2012 22:55
    Anche io, benché nativo di una città dove la nebbia è rarissima, amo la nebbia. La trovo una metafora della vita. Camminare senza sapere dove si sta esattamente andando, cercare una meta con l'ansia di trovarla e il dubbio di fare la strada giusta. Bella, veramente ella
  • mauri huis il 08/03/2012 17:13
    Molto bella questa descrizione di una serata nebbiosa. Ma cos'è questa stroria che solo Milano ha un fascino suo malgrado la nebbia? Casomai è vero il contrario. Milano con la nebbia è asfissiante in tutti i sensi. Per fortuna da circa dieci anni di nebbia ce n'è sempre di meno, almeno per noi padani. Complimenti per la poesia e saluti!
  • Anonimo il 08/03/2012 16:12
    quasi fosse un velo... che aleggia dando una nota surreale...
    bella la frase "nebbie sinuose sino al limite dei lampioni" dove la luce diviene pià calda e delicata all'avvicinarsi della bebbia... complimenti Ivano molto bella
  • Alessia Torres il 07/03/2012 18:37
    Non so quale sia questa nebbiosa città ma sicuramente qualcuna del Nord Italia dove la bruma è solita fermarsi spesso...
    Ma fanno pensare anche ad un che di romantico questi tuoi evocativi versi...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0