PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Elogio muliebre

Elogio muliebre

O Piave murmuliave,
quanne ce steve a uerre,
tu, quanne lave n’terre!

Rice ca o ciele è nire,
quanne ca o tiempe è brutte,
tu, pure senza lutte!

O cuoche rompe ll’ove,
quann’adda fa a pastiere,
tu, ra matine a sere!

Tu me presiente annanze,
si voglie stà riune,
na conche e maccarune!

Si voglie stà ntu liette,
o juorne ch’è de feste,
tu, m’arape a feneste!

Si facce quaccose, sbaglie!
Pegge si nunn’o facce!
Tu rire e cummatte, o ssacce!

Aiere male e cape,
ogge te siente male,
si pegge e nu spitale!

Tu rice “lassele”! E pecché?
“te fa passà sti pene”!
strunze! Ie a voglie bbene,
e esse vò bbene a me!

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0