username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Di Sabato

Nutre la rupe fiorita, scalda
sottili dita rilegano la vita
sii il pergolare invano
ridona la mano
trapassa il gelo nel velo
scende disteso l'umido telo
accolgo ingenuo il gioco mistero
rumina invero
occhio trema
la ciglia si dimena
scorda sinistra
lo sguardo sordo
canta la svista
sorridi attonito
sull'oroscopo invaghito.

 

2
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 08/03/2012 17:38
    Sublime verseggiare... AUGURI VIVISSIMI IN QUESTO TUO GIORNO DI FESTA!!! e un invito vivissimo a leggere il mio acrostico Mimose per dirti quanto apprezzo le vostre campagne contro ogni abuso...

4 commenti:

  • Giovanna il 08/03/2012 20:34
    Grazie a tutti!!!
  • Salvatore Maucieri il 08/03/2012 18:08
    Profonda introspezione. Bellissima poesia. Complimenti. Ciaoooooooooooooooooooooooooooooooo
  • loretta margherita citarei il 08/03/2012 17:37
    bel gioco di parole molto apprezzata
  • mariateresa morry il 08/03/2012 13:40
    Ho letto questa tua più volte, un gradito e bello gioco di parole, un poco uno scioglilingua che accosta temini e parole con leggero ma significativo non-sense. mi piaciuta molto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0