PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vorrei

Vorrei poter essere ancora nel ventre di mia madre
nuotare felice nella piscina d'acqua che mi fa vivere
sentire la sua voce dirigere le onde leggere che mi cullano.
Vorrei avere dieci anni per sbirciare attraverso
la semichiusa finestra che si affaccia alla realtà,
un parco giochi per occhi candidi.
Vorrei avere vent'anni e riassaporare l'ebbrezza della magia d'amore
progettare il mio futuro senza pensare che magari niente si avvererà.
Ne vorrei avere trenta e cibarmi ancora dell'ingenuità dei miei figli
averli ancora accanto a me, mano nella mano, proteggerli.
Vorrei avere quarant'anni e partorire nuovamente il mio angelo piccino,
fermarmi lì tenerlo ancora teneramente in braccio e sentire il suo odore,
l'odore del bimbo che cerca la sua mamma.
Vorrei con una bacchetta magica cambiare gli anni a venire
per non soffrire, per smettere di lottare contro un gigante più forte di me.
Per sentirmi viva e non morta.
Quanto è lunga l'attesa di arrivare
il cammino intrapreso è pieno di urla disperate che si sono sparse
come cenere al vento. Ho lottato, tanto, ho creduto,
come da bambina
che mai la morte mi avrebbe scalfito.
Io più forte della morte... ma non delle malattie!
Ed ecco che cammino disorientata, senza meta
aspettando che prima o poi tutto smetta
ritrovando per sempre la mia pace.

 

5
7 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 14/03/2012 02:19
    Bellissima preghiera umana, dove esprimi tutta la tua sensibilità e grandezza di donna. Vorrei che si possa esaudire il tuo sogno di combattere con coraggio la tua malattia, qualunque essa sia, con la tua la mia e l'altrui preghiera, affinchè tu sia, che lo sei già, vittoriosa!!!!
  • Don Pompeo Mongiello il 09/03/2012 13:38
    Bisogna abbandonare tutto ciò che ci lega all'impossibile ed affrontare in faccia la realtà, che poi non è tanto brutta. Come figlie, si diventa madri, come madri si diventa nonne e poi si ritorna bambine.
  • Rocco Michele LETTINI il 08/03/2012 16:22
    Vorrei che tu leggessi il mio acrostico Mimose... e gradire la Tua vittoria nel... Tuo vorrei... Ottimo il tuo verseggiare... AUGURI VIVISSIMI PER QUESTO TUO GIORNO DI FESTA!!!

7 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 16/03/2012 08:31
    Molto bella Vincenza... toccante... bisogna pensare che la più bella età...è quella che abbiamo in questo momento... con tutta le esperienze che abbiamo vissuto.. e quelle che la vita ha ancora in serbo per noi..
  • Gianni Spadavecchia il 15/03/2012 13:23
    Un flashback di tutti quei momenti che è impossibile dimenticare e che si vorrebbero tanto rivivere.. poesia letta con attenzione e molto rispetto nei confronti di chi la scrive, poichè è molto personale.. Mi complimenti, ottima!
    P. S. ricambio il bacio che mi ha mandato
  • Don Pompeo Mongiello il 15/03/2012 13:21
    Un serto floreale per questa tua eccezionale!
  • Vincenza il 14/03/2012 10:58
    grazie di cuore a tutti, a volte la stanchezza mentale mi assale... fortunatamente per poco!
  • giuseppe bevacqua il 08/03/2012 18:12
    hai ascoltato la canzone di Dalla "rondini" i tuoi versi potrebbero sostituire i suoi, se autobiografica mi rattrista se vuoi mi puoi scrivere.
  • loretta margherita citarei il 08/03/2012 17:14
    supererai questi tristi momenti, molto apprezzata
  • Anonimo il 08/03/2012 15:08
    Questa bella poesia, piena di tristezza, ma anche di vita, mi ha emozionato. Oggi a te, donna meravigliosa che tanto hai lottato e tanto lotti, auguro tutte le cose più belle del mondo. Ti auguro che in futuro questo momento possa essere solo un lontano ricordo. Vorrei con una bacchetta magica alleviare le tue pene ed esserti affettuosamente vicina. Saluti cari.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0