accedi   |   crea nuovo account

Lucciole

Vi siete mai soffermati
ad ammirare
la struggente bellezza delle lucciole

che la notte
cerca di inghiottirne
lo splendore?

Le lucciole se ne stanno
ai bordi di un marciapiede
ubriache dalla troppa luce
che esse emanano

che lente si spengono
nella loro agonia

che muoiono
spargendo amore

sbranate da noi
oscure farfalle.

Lucciole. Lucciole. Lucciole.
Splendide creature dell'oblio

possiamo vedervi lungo ai lati dei viali
possiamo toccarvi
imprigionarvi
possedervi in stanze accartocciate e fredde

ma non potremmo mai avere
il vostro immenso splendore.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • STEFANO ROSSI il 10/03/2012 12:05
    grazie ragazzi, la purezza sia con voi
  • stella luce il 08/03/2012 22:47
    vista la giornata dedicata alla donna questi versi fanno riflettere su come le donne vivano questa vita da lucciole, e spesso non rispettate come se non avessero un anima, ma tante volte credo che ne abbiano molta più di tanti altri...
  • Alessandro il 08/03/2012 22:27
    Ubriache di troppa luce, creature dell'oblio... la gente le possiede brutalmente, ma non le avrà mai. Davvero bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0