username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Verona

Te ne sei andata un giorno
che non ricordo né posso
e ti è rimasta in cuore.
Io invece son rimasto
contro la mia inclinazione
e mi è rimasta addosso.
Era la tua e la mia città
ma acqua ne è passata
sotto i ponti del fiume
che al Po si volge ma si nega
ed altrettanta gente
da sotto le antiche porte
di qua e di là ai bastioni
a rinsanguarla è giunta
ed a cambiarla.
Bella lo è ancora ma se ritorni
non aspettarti ciò che non c'è
né mai c'è stato:
già quando te ne andasti
non era com'era prima.
Né dopo, perché una città
pur bella come questa
è sempre un'officina.

 

l'autore mauri huis ha riportato queste note sull'opera

scritta nel 2010


3
7 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 15/03/2012 14:21
    davvero bella, evocativa...
  • mariateresa morry il 09/03/2012 12:58
    Il testo, ben proporzionato e calibrato nei passaggi delle strofe, ha un suo rigore poetico carico della nostalgia, del rimpianto e della realtà. C'era Verona la bella, tra due persone, nella vita di due persone, e qui l'autore sovrappone la città attuale, che nella sua bellezza è anche una officina ( il senso della realtà, nel labor) a quella che era e che si ricorda nei momenti passati, collegati ad un amore. La cosa che colpisce è che la città vive comunque la sua vita, pulsa sempre, cambia e si rinnova. I sentimenti lontani a volte sovvengono come rigurgiti e non sono fatti per ritrovarsi... Molto bella Maurizio, la metto tra le preferite.
  • senzamaninbicicletta il 09/03/2012 10:24
    una poesia bellissima pregna di omaggio e dedica all'unisono per due amori forse l'uno ch'è andato l'altro che è rimasto nel cuore immutabile nel suo progredire, modificarsi, crescere ed evolversi. Bella la chiusa in cui parli di officina. Braviossimo e complimenti sinceri. Poche poesie belle così.

7 commenti:

  • augusta il 14/03/2012 17:31
    sono d'accordo con karen... cmq bravissimo
  • cesare righi il 10/03/2012 20:56
    Maurihuis, il codice (mio) di PeR impone di andare a leggere sempre chi mi lascia un commento, positivo o negativo che sia. Ti ringrazio di essere passato e sono venuto a legggerti, anche perché influenzato sono rimasto in casa , ora dico per fortuna. La tua poesia e' veramente fantastica, una città che io e mia moglie adoriamo, ogni anno siamo in piazza Bra, passeggiata, acquisto di scarpe, caffè al Tre Corone e tanta, tanta bellezza. La poesia e' bellissima, ma Verona un po' di piu a rileggerti presto...
  • karen tognini il 10/03/2012 07:11
    ... Refuso... VERONA...
  • karen tognini il 10/03/2012 07:10
    Bellissima poesia Mauri...

    Verone è splendida ma la vita di oggi ha levato veli di magia a molte citta' romantiche...
  • Anonimo il 09/03/2012 17:38
    Un omaggio a una città con un proprio fascino distintivo, che vive e che cambia; che ha rappresentato anche qualcos'altro, per l'autore.
    Complimenti per la poesia!
  • sara meneghello il 09/03/2012 11:38
    Meravigliosa. ne ho lette poche come questa. una bella poesia per questa meravigliosa città di Verona.
  • alta marea il 09/03/2012 10:26
    Complimenti allo scrittore , a parte gli scherzi Maurizio, nn conosco Verona ma mi è parso di esserci passato. MI riprometto di visitarla per supplire a questa grave mancanza. Insomma questa tua mi ha fatto venire voglia di visitarla.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0