accedi   |   crea nuovo account

Un mondo troppo perfetto.

Insofferente,
divarico un mondo
troppo perfetto,
dove ogni rosa calpesta
sorda e puzza di
cenere,
dove ogni gesto si sforza
e si sperde nell'ambiente
come bottiglie più volte
usate.

Un quieto lento annaspare
che vomita e svuota
le mie voglie
nell'ansia di un segnale
che non viene,
e che, tarlo, corrode,
informe,
la folla dei miei pensieri.

Ed io,
avvolta da fragili umori,
aspetto inquieta
che ogni cosa mi scivoli
di mano,
come un piatto mal riposto
o una mensola sbagliata,
scialacquando nuvole
e ruggendo a chiunque
trapassi il limite della mia
solitudine.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

19 commenti:

  • Giuseppe De Paolis il 05/08/2011 16:22
    avvolta da fragili umori,
    aspetto inquieta
    che ogni cosa mi scivoli
    di mano.. bellissima piena di vita di forza espressiva...
  • Diana Moretti il 05/08/2011 08:49
    Grazie mille per i commenti!
  • Paolo Venturi il 05/08/2011 00:46
    Insofferente, esprime lo stato d'animo per una vita che non si arrende, nell'intimo si attende un evento che sconquasserà tutto, ma che non si farà sorprendere...
    Scritta con arte.
  • pietro luigi crasti visintini il 20/07/2008 13:07
    Mi è piaciuta dall'inizio alla fine.
    Malinconicamente rabbiosa verso il presente, riufiutando l'imposizione sociale preordinata moderna. Versi sgorgati senza mediazioni, di getto. Coraggiosi perché veri, che ignorano ogni qualsivoglia reazione di censura.
    Che dire, Bravissima!
  • Romina Cesari il 04/11/2007 16:26
    ... ruggendo a chiunque trapassi il limite della mia solitudine... ti sento ruggire... o sono io?... come ti capisco... brava e grazie. Romy
  • Antonio Pani il 13/09/2007 11:51
    Complimenti Diana, davvero bella! Immagini semplici, profonde, incisive ed efficaci. Uno scritto sentito e che "trasporta". Molto brava, ciao, a rileggersi.
  • Anonimo il 13/09/2007 10:35
    Poi ci rendiamo conto che il mondo perfetto che abbiamo costruito ha più aspetti negativi che positivi ma a volte ci vuole davvero tempo per capire questo... sei stata bravissima Diana!
  • IGNAZIO AMICO il 13/09/2007 00:12
    Poesia di difficile lettura, ma dal contenuto profondo. Traspare rabbia e ribellione.
    Brava
  • marco moresco il 19/07/2007 09:43
    bello il tormento tra l'ansia di un segnale che non viene e il ruggito a chiunque trapassi il limite della tua solitudine
    ciao marco
  • sara rota il 19/06/2007 13:53
    Una poesia forte e piena di coraggio soprattutto la parte finale dove sfidi chiunque a sorpassare la linea di "fuoco" (solitudine) che tu hai deciso...
  • francesco sobberi il 15/06/2007 12:01
    la troppa perfezione confina con il caos. la sua rappresentazione è lucida. mi piace
  • roberto mestrone il 15/06/2007 10:55
    Tre pensieri forti, tre perle, che sottolineano l'irrequietezza di un animo sensibile.
    Ho votato il massimo, per alzare un voto medio bassissimo.
    Sinceramente non comprendo come si possa votare a vanvera!
    Brava Diana!
    Ro
  • Diana Moretti il 15/06/2007 08:14
    Grazie Angelica per il tuo commento.. hai pefettamente ragione!
  • Anonimo il 14/06/2007 19:26
    Siamo noi stessi che mettiamo barriere e limiti, pensando di costruire un mondo perfetto, invece così non facciamo altro che uccidere lentamente noi stessi, illudendoci di vivere nella utopia della perfezione. Complimenti Diana veramente bella, ciao Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0