accedi   |   crea nuovo account

Trasmettere l'Arte a Piccole Rose

Non lasceremo invenduti i sogni puri dei nostri cuori
troveremo le note
per convincere il mercante della notte a rendere reali le ali delle nostre fiabe

l'azzurro del cielo
declina sul Tuo viso
in un raggio di sole
disegnando
sulla fronte delle nubi
il sorriso
d'una piccola rosa

inebriata
dal profumo la luna apre le ombre

fra le sue braccia d'argento

si cela un tempio d'Amore

parleremo di questo ineffabile fiore esistente nell'anima a tutti i bimbi del mondo ornandolo di

Principesse Principi Fate gli Artisti

sporcate le vostre mani giocando con i colori della notte

il bianco supporto di giorni felici
guiderà
la vostra immaginazione

ad attingere acqua e fuoco gnosi dal magico pozzo di elfi e gnomi

trasmettendo sempre nuove emozioni

il semplice battito di un ritmo musicale
crea nel vostro essere un vestito di suoni

magia di un mantello inimitabile nel modello
in cui sparire fra stelle filanti

trovando
in un regno sublime
eterno nel tempo

i doni celesti di allegre compagnie

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

A PR... PoesieRacconti...


6
9 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 12/03/2012 19:58
    Parole che si susseguono in una dolcissima melodia che incanta ed attrae i cuori sensibili, direi anche distratti.
  • Gianni Spadavecchia il 10/03/2012 17:11
    Recensione quasi impossibile da fare a quest'opera magicamente splendida da leggere ed apprezzare tutta d'un fiato.

9 commenti:

  • augusto villa il 13/03/2012 09:36
    Ecchebbella!!!... Bravissimo Vincenzo... Buono il contenuto... ma ciò che conta...è la leggerezza, la semplicità e l'eleganza... che hai messo nella stesura del testo.
    E allora... bravissimo!!! Grande. --
  • nicoletta spina il 10/03/2012 22:32
    Una fiaba, un sogno a cui attingere per purificarsi.
    Nel mare di emozioni che sempre regali, il riverbero di luna e sole si abbracciano e donano eterna gioia nel leggere queste splendide parole. Grazie di esserci
  • cesare righi il 10/03/2012 21:06
    Vince, non so che dire, grazie influenza? Grazie Dio? Grazie Poesia, grazie a te?
    Grazie a noi che leggendoti ti obblighiamo a scrivere? non lo so, comunque sia, una bella " pacca" sulla spalla non te la leva nessuno!
  • Elisabetta Fabrini il 10/03/2012 12:03
    Bellissimi versi dedicati ad anime sensibili e dolci come la tua...
  • Silvia De Angelis il 10/03/2012 11:19
    Un poetare espressivo ed intenso molto gradito alla lettura e piaciuto!
  • Teresa Tripodi il 10/03/2012 10:58
    Eccellente dipinto in parole... bravissimo
  • Anonimo il 10/03/2012 10:12
    Ma come fai a scrivere cose simili?? Le tua poesie sono effusioni di puro sentimento e immaginazione, dove potenzialmente trovano posto tutte le cose belle che esistono: sono poemi di cose sublimi
  • karen tognini il 10/03/2012 09:30
    Sublime Vincenzo... nell'Arte il senso profondo di piccole gioie... come l'Arte di saper Amare...

    Bravo come sempre...
  • roberto caterina il 10/03/2012 09:09
    Mi piace l'immagine di sporcarsi le mani giocando con i colori della notte...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0