PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lacrime di tempo

Un giorno, forse,
leggerai quanto di più ho amato nella mia vita..
ho conosciuto la bellezza dell'incoscienza, proprio come doveva essere vissuta
ho imparato a correre nei prati, perchè già allora, sapevo,
che non sarebbe stato per sempre.
Ho vissuto felice il mio essere bambino, a cui niente gli era dovuto,
sono cresciuto nella più totale libertà, proprio quella, che io,
ti ho fatto vivere a metà.. perchè dovevo proteggerti...
ho amato il mio essere, per tutto quello che riusciva a farmi immaginare,
ho sognato il mare, per credere di non volerlo dimenticare.
Il mio sogno, era volare, e lo sognavo per ore sull'altalena a cantare.
Ero tanto bravo a riconoscere gli insetti, proprio come nei tuoi giochi ti destreggi..
figlio mio.. ho tante cose da raccontare, ma purtroppo, la gran parte di queste non le potrai capire, fino a quando non sarai pronto,
ma è solo con l'avanzare degli anni, che mi vedrai un po' più simile a te,
nonostante le nostre diversità.
Ho scoperto quanto è bello il calore del sole,
e non solo perchè dà colore alla mia carnagione, ma regala la vita ad un fiore,
rendendo il mondo un insieme di colori.
Ho capito la bellezza della pioggia,
guardando la serenità che si spandeva nelle rughe sul viso di un contadino.
Ho capito, ora, i sacrifici fatti, per regalrmi anche un solo soldatino..
non ti chiedo di capire, è troppo lontano dal mondo che ti ho creato,
ma chiedo a te, solo di non perderti in mille cose,
a volte le cose importanti sono talmente semplici, da non essere viste.
Ho capito tardi, che molte volte quando un uomo ti da una mano, lo fa,
non per aiutarti, ma per essere aiutato e poi ringraziato..
ho sfruttato a piacere il mio corpo ed il mio volere,
e nel vivere, mi son rotto ossa e denti, ma gli anni, purtroppo,
non si fermano a venti,
e i miei passati divertimenti, oggi, li pago con fitte di dolori violenti.
Ho capito che l'amicizia non è tanto rara, se si considera anche il superfluo,
per questo credo che un vero amico, non si valuta dagli anni, ma dai momenti.
Mi hanno sempre detto di smetterla di giocare, di sognare e di fare tutte quelle cose,

12

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Gianni Spadavecchia il 06/04/2012 14:34
    "Nella mia anima ci sono più ricordi che giorni". Poesia unica, ricca di affetto, protezione, amore, sogni persi e regalati al mondo, amicizie, ricordi passati.. Un amore unico, poesia che ti lascia a bocca aperta e conserva tanto calore nel cuore.

1 commenti:

  • augusto villa il 26/03/2014 17:54
    È davvero una lettera piena di poesia... Poesia che è amore...
    È un cambio di testimone... che sto vivendo anch'io... Le cose di cui parli... Che belle!
    Non perdo l'onore... se ti dico che mi ha commosso... Mannaggia a te... mi hai fatto bruciare gli occhi! ----- -----------------

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0