PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A Morgana

Aviri un gattareddu pi la casa
è cosa bedda, 'na gran compagnia
e ti duna confortu a ogni mumentu,
ju haju a Morgana
chi eni la gatta fimmina di casa,
eni bedda, russa comu 'na liuna
è duci e bedda
cu sentimenti chi mancu 'na cristiana,
si sugnu 'nta lu lettu
idda vicinu a mia si curca
e cu la manuzza m'alliscia la faccia.
Ma nun sempri è cosa cognita
Morgana ogni tantu va 'n caluri
e allura diventa strana
curri, si ferma e si strica 'nterra
abbrazza l'aria e si lamenta
movi a compassioni tuttu lu palazzu
la notti la fa jornu
e nuddu chiù arriposa 'nta la casa.
Ogni tantu si veni a striga a la me gamma
aisa la cuda e si lamenta
cu l'occhi lacrimusi
mi dici chi vulissi esseri aiutata.
Ju certi voti mi movu a cumpassioni
la pigliu, l'allisciu e ddà mi fermu,
la patrona è dda vicinu
e nun approva lu me 'ntentu!

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 09/09/2015 05:06
    apprezzata... complimenti.

2 commenti:

  • salvatore maurici il 12/03/2012 21:49
    Si! era una bellissima gatta, pelo rosso lungo leonino, mi veniva a cercare quando desiderava essere carezzata e poi... via a nascondersi in uno dei tanti nascondigli della casa; è morta, è stata una perdita grande.
  • Anonimo il 12/03/2012 19:44
    che bella devessere questa gatta... magari quando va in calore tiene svegli tutti, ma questa è la natura... molto bella la tua poesia complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0