username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Dio è il vostro principe, io la vostra formica dal sangue blu

Nella mia mente,
vedo te stesso fin dall'inizio.
Tutto è confortante,
sicuro,
morbido e
caldo.
La mia anima
è protetta
sotto quegli strati.
Come la melodia avanza,
è la vita,
la vostra vita,
la vostra melodia.
E si avvolge l'anima,
ora caldo,
ora freddo.
Si forma il ghiaccio,
aggrappandosi a me,
qualcosa mi circonda.
Ci separa gli uni
dagli altri
a noi stessi.
La quercia è stata abbattuta,
una scheggia trafigge e squarcia
il mio misero corpo.
Prego per voi, uomini,
che in questa primavera state
cancellando la mia vita
come se nulla fosse.
Spero che il sole
non cuocia la vostra stupida testa,
che il vostro buon diavolo
vi punisca
perché io,
non voglio continuare a morire.
Ora mi domando:
Ma io,
riuscirò a trovare
ancora una volta
un posto caldo,
prima della fine?
Ora non capisco:
Che senso ha cercare
il Dio nel vostro cielo,
quando non notate,
una formica dentro
una quercia
col sangue blu
ed il mantello?
Dio è ovunque
ci sia natura,
voi siete i miei,
io sono il vostro Dio.

 

2
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Giulia il 12/04/2012 20:46
    Ciao Auri, grazie mille sai, l'ho stavo pensando anch'io mentre la scrivevo! Anche se alla fine non ci ho neanche ragionato più di tanto. Ci vedrei comunque una musica molto leggera
  • Aurora il 11/04/2012 20:22
    Ciao Giuli, questa poesia è bellissima.. non so perchè, ma ce la vedrei bene come testo di una canzone!
  • loretta margherita citarei il 12/03/2012 20:24
    molto originale apprezzatissima
  • Anonimo il 12/03/2012 16:22
    Brava, cerchiamo l'immenso ma l'immenso è nel piccolo davanti a noi... mi è piaciuta.
  • Vincenzo Capitanucci il 12/03/2012 16:10
    Penso che un nobile sangue blu... scorra nelle Tue vene Giulia... gli uomini.. con il naso all'insù... son diventati estranei a Madre Natura...(lì capisco l'incesto del Tuo profilo) non l'amano più... solo esseri particolari sentono il dolore di una quercia... e dalle Sue scheggie sono trafitti di gelo nel cuore... non notano più nessun particolare... ed abbattendo la quercia hanno sconvolto la vita di una formica e di un scoiattolo... appena nato alla vita... a cosa rima cercare l'immenso... se non lo trovo nel minuscolo che è vicino a Te...

    Complimenti Giulia..

    ... Ma io,
    riuscirò a trovare
    ancora una volta
    un posto caldo,
    prima della fine?...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0