accedi   |   crea nuovo account

Ciechi

Siamo distanti, dispersi
Riflessi lontani
di immagini indistinte.

Siamo soli, recisi
Pioggia d'estate
che evapora al sole

C'era musica
tra la polvere dei gradini
tra lacrime e cartone.

C'era un riflesso giallo
una fiamma verde
un sorriso sempre in tasca.

C'era poesia
tra le pieghe dell'asfalto
tra curve rosse e bianche.

C'era il cielo
che ci guarda ancora
mentre inconsapevolmente
ci cerchiamo.

 

5
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 12/03/2012 19:38
    Ciechi o senza il coraggio di vedersi davvero? Si cerca ciò che si desidera, ma anche nel ricordo del più bel tempo trascorso resta un pizzico di malinconia che impregna di dolore ogni bellezza. Poesia bella, complimenti!

6 commenti:

  • augusta il 27/04/2012 13:58
    siamo soli recisi... mi piace...
  • Raggio Di Luna il 10/04/2012 23:51
    semplicemente bellissima...
  • Vincenzo Capitanucci il 28/03/2012 16:15
    Bellissima Angelo.. siamo distanti.. dispersi... siamo soli.. ed un c'è entra in un c'era... diventanto la cera... di una candela consumata e spenta...
  • Alessandro il 12/03/2012 22:30
    Solitudine e abbandono dell'odierna condizione umana, il traboccante rimpianto nella descrizione di un passato migliore, più luminoso e consapevole. Complimenti
  • Anonimo il 12/03/2012 21:12
    Diventiamo inesorabilmente ciechi quando smettiamo di guardare al di là di noi stessi...
  • loretta margherita citarei il 12/03/2012 20:15
    molto apprezzata complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0