accedi   |   crea nuovo account

Sei tempesta il mio riparo

Nego ogni riparo
alle rare vittime
di mia battente tempesta,
perché rifugio è l'occhio del ciclone,
dove più picchia caldo lo schiaffo della mia attenzione
e ferita è occasione per un bocciolo di sole
ilare espiazione,
florido tempo seme d'emozione.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 14/03/2012 00:40
    Mai trovarsi sotto una tempesta così. O forse meno male, per lo meno l'autore pone l'attenzione con il suo sentire emozionale, con la sua capacità lirica, con uno schiaffo che ti sveglia! Evviva! Piaciuta.

1 commenti:

  • Anonimo il 18/03/2012 16:34
    Ci sono percorsi alternativi e, a volte, trovarsi nel bel mezzo dell'occhio del ciclone, una vista rara ai più, permette allo sguardo di spaziare e comprendere cose nuove. In quell'istante di calma, il cielo appare azzurro e il sole vede solo te... signore delle tempeste. Dopo questo, tutto fa meno paura. Guardare da punti diversi può solo arricchire chi lo merita!
    MG - Anna Rita Iotti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0