accedi   |   crea nuovo account

Quei giorni coi libri

Infiniti ricordi ho della scuola.
Come posso, quei giorni, non cantare
gli esercizi non svolti, il quadro in rosso,
i rimorsi, l'estate sul balcone,

quelle facce, le burle, le battute,
il baccano, gli scherzi a gl'insegnanti,
le panzane, i filoni colla caggia.
Quel passato, quel banco, quella classe...

Come posso, quei giorni, quei compagni
che non trovo, pe' viali, ne le sere...
Dove sono?, che fanno?, altre affezioni!
Forse a spasso?, coi figli?, altre faccende!

Eh Peppino, eh Francesco, amici miei
se oggi fosse ieri, a scuola tornerei!

 

9
7 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 15/03/2012 13:18
    Belle quartine con una secondina, che racchiude in filastrocca l'essenza del tutto.
  • Anonimo il 14/03/2012 13:11
    condivido... emozioni tutte passsatissime, davvero godibile!!!

7 commenti:

  • Anonimo il 22/03/2012 20:26
    Bella poesia nostalgica si, ma "felicemente". Hai ben trasmesso il piacere dei ricordi con il desiderio di riviverli...
  • Don Pompeo Mongiello il 15/03/2012 10:25
    Un plauso dovuto e sincero per questa tua veramente bella!
  • Dora Forino il 14/03/2012 11:52
    Poesia della nostalgia, dei compagni di classe, Peppino, Francesco, gli scherzi,
    quel passato che più non ritorna.
    Gradita Rocco.
    Ciao!
  • karen tognini il 14/03/2012 10:48
    Bellissimi ricordi Rocco.. entrano e spaccano il cuore di nostalgia...
    .. speriamo stiano Tutti bene...
  • stella luce il 14/03/2012 00:00
    i giorni della scuola, le amicizie più vere pure e sincere... versi densi di nostalgia...
  • Anonimo il 13/03/2012 23:35
    Molto bella complimenti... apprezzatissima...
  • mariateresa morry il 13/03/2012 21:33
    Trovo questa tua molto gradevole, anche se disimpegnata.. nel senso che rendi benissimo l'idea di un pensiero nostalgico sì, ma lieve, per un tempo che non può tornare, ma che ti è rimasto radicato dentro...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0