PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Storia dei poeti Pecorini famosi

Tra le opere giovanili
del famoso poeta Pecorino,
ricordiamo:

"Non tagliar ora
la mia forma,
che ancora
devo stagionare,

minimo un altro anno
fammi riposare".

Ma avidi e affamati
estimatori,
affettatolo in anticipo

ne hanno causato
la morte mangiandolo
precocemente.

Diversa la storia del poeta
di Pecorino Stagionato,
morto per muffa

e neppur assaggiato!

 

2
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • stella luce il 14/03/2012 09:20
    bella metafora della vita... non si deve avere fretta ad assaporarla perchè poi tutto si consuma e nulla resta... ma neppure restare troppo in attesa a guardare, si rischia di vedere tutto marcire senza nulla avere...
  • Ivano Boceda il 14/03/2012 09:11
    ... ovvero, chi ha troppa fretta e chi aspetta troppo. Satira moraleggiante sulla "vita" per dire che ogni azione ha il suo giusto tempo. Ben scritta

4 commenti:

  • cesare righi il 14/03/2012 20:57
    Al di fuori di ogni metafora, presa e letta in compagnia: risultato
  • loretta margherita citarei il 14/03/2012 20:17
    molto originale complimenti
  • Anonimo il 14/03/2012 15:24
    Non mi suona bene "la morte mangiato precocemente"; può anche essere che non lo capisca io. Aldilà di ciò, complimenti. Bella, divertente, nuova!
  • Marcello Piquè il 14/03/2012 09:18
    siamo ad inizio giornata ma la tua poesia mette appetito, bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0