accedi   |   crea nuovo account

Appisolarsi in treno

Sferragliare sincopato,
percussioni
sulla rotaia,
ritmicamente a martello
di ruote veloci:
lento pervadere
l'orecchia, di voci
ancor satura;
mentre culla un cervello
distratto e tentato
allora di evadere
da quel paesaggio di sensi
usuali e percorrere
tracce larvali
nell'intricato groviglio
tra l'Es e il Super-io.

Al crocevia del sogno
dove l'Io è dio
guarda il treno
la bimba giallovestita
un abbaglio a ragguaglio
della mente assopita.

Fiihiu fiiihiiuu fiiihiiuu

Fischia il treno, scivola
sferragliare strisciante
balla di botto rallenta
e si sfiata la valvola
frenata stridente
una scossa e rincula.

Si scuote, sente le voci.
Tende l'orecchio
e si massaggia dolente
il naso battuto sul vetro
del finestrino:
rauche parole d'un vecchio
rivolte a un vicino,
Ch'è distratto e non sente.
Oltre il vetro la notte
Sembra distesa sul niente
Solo il canto d'un gallo
da questo punto distante
è un senso a quel nulla.

Un sussulto e riparte
ora riprende la culla.
Di fuori strisce di giallo
luci appese sul buio
come lucciole di maggio.

 

1
6 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 15/03/2012 13:10
    Ci sarebbe un po'da discutere sugli aspetti filosofici-teologici, che non condivido, in quanto alla poesia è veramente scorrevole e musicale e non fa intoppi.
  • Raffaele Arena il 15/03/2012 00:12
    Avevo il nonno capotreno, la metto tra le mie preferite, fila via liscia come una locomotiva, sembra di viverci in questo vagone, e la chiusa meravigliosa. Bravo davvero
  • Auro Lezzi il 14/03/2012 11:29
    Fiihiu fiiihiiuu fiiihiiuu.. Mi viene proprio un fischio di soddisfazione alla lettura.

6 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 15/03/2012 17:13
    Descrivere un semplice gesto, di una banale occasione, in modo così bello e dettagliato. è anche questa poesia. Rendere speciale ciò che è semplice e povero
  • Ivano Boceda il 15/03/2012 14:12
    Grazie Don Pompeo; per gli aspetti "filosofici" meglio la posta privata...
  • loretta margherita citarei il 14/03/2012 20:25
    molto bella complimenti
  • Anonimo il 14/03/2012 14:27
    Scusami Ivano, ma il commento di Salvatore è il mio. Usiamo lo stesso pc e qualche volta succede. (è il mio compagno).
  • Anonimo il 14/03/2012 14:24
    Poesia molto ben scritta, anche se io apprezzo lo stile più semplice e immediato. Complimenti!
  • Anonimo il 14/03/2012 13:08
    cos'è!!!! una poesia?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0