PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

O mio amor

O mio amor
ti telefono da ore
hai cinquanta chiamate

nella tua segreteria.
Dove sei, son preoccupato
e tu intanto ti perdi nel bacio

con un altro. E zompi felice,
e chi se ne importa
di quel povero idiota

ora davvero preoccupato.
Così arrivo alla tua porta
busso e tu mi apri, trafelata.

D'un tratto ho capito
mi vien di cantare del Cocciante
"Cervo anche stasera!"

 

3
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 23/03/2012 16:49
    Una brutta sorpresa davvero Bravo Raffa, l'ironia è qualcosa di meraviglioso
  • Alessandro il 16/03/2012 00:00
    Bella, mi piace il tuo punto di vista ironico.
  • Anonimo il 15/03/2012 19:27
    Mi sembra d'immaginare la scena... Bravo Raf, sei forte!
  • Alèd il 15/03/2012 11:03
    ... a far le sorprese a volte si rimane sorpresi...
  • angelo il 15/03/2012 00:28
    Bella!!!! in modo particolare il finale!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0