accedi   |   crea nuovo account

Torre della televisione

Salire in alto e tuffarsi nel niente
spesso ci capita di raggiungere la vetta
ma poi, abbiamo le ali adatte per planare?
Sorridere è meglio del ridere (spesso e volentieri)
e per tutto il bello che ho avuto dico grazie alla vita.
Incespico sui difetti delle strade
ma se ci sono buchi nell'asfalto non è mio dovere ripararli
posso solo avere occhi per l intuizione
e ora piu che mai è distante
come la luce del sole che filtra su motori inceppati,
ho la forza di pensare
su quanto possa interferire la storta del piede
che insiste sulla pigrizia del non volere agire
dopo il riposo tutto riprende
perchè non io?

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Aedo il 15/03/2012 20:35
    Poesia introspettiva molto profonda: spesso si tenta di salire, senza accorgersi che si tratta di una discesa. Eppure bisogna tentare... Complimenti!

1 commenti:

  • concetta il 22/04/2012 15:32
    bella poesia, complimenti... molto intensa

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0