accedi   |   crea nuovo account

Mejo è guardà 'dietro

Er monno,
sor Gigé,
nun è più
quello de li tempi nostri
gagliardi e tosti,
quanno pe' na serenata
in visibilio
mannavamo le ciumachelle
nostre.
Aridi sti cori
so divennati,
e nu li sveglia più
neanco le cannonate.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • roberto caterina il 15/03/2012 14:38
    sì, il mondo non è più quello.. o meglio non è più il nostro mondo..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0