accedi   |   crea nuovo account

La mia donna

Leggera come una piuma,
attenta a non farti vedere
mi spiavi dall'alto del balcone.
Indispettita dal mio parlare,
aspetti che ti vengo a tiro.
Dettata da singolare vendetta,
ottemperi al tuo piano con innata cattiveria.
Nonostante il cibo dalle mie mani,
nonostante le mie attenzioni,
attacchi il mio viso, maledetta gatta.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0